SHORT FILM DAY: CORTROMETRAGGI IN GIRO PER IL MONDO

Nel giorno più breve dell’anno si celebrano i cortometraggi. Una piccola vetrina sul giovane cinema italiano che per la prima volta esce così massicciamente dai nostri confini

Da Lisbona a Shanghai, da Sao Paulo ad Addis Abeba, il 21 dicembre, giorno più breve dell’anno, in tutto il mondo vengono celebrati i cortometraggi. Lo Short Film Day è un’iniziativa, nata in Francia nel 2011 dal Centre National de la Cinématographie et de l’Image Animée, che si è diffusa rapidamente in tutto il globo. L’idea è di offrire una finestra sull’universo dei corti e renderli, per un giorno, protagonisti del cinema.

Il Centro Nazionale del Cortometraggio ha realizzato un programma di corti italiani contemporanei che verrà proiettato in 22 città del nostro Paese e, grazie alla rete degli Istituti Italiani di Cultura e alla collaborazione con il network di agenzie europee del cortometraggio, Short Circuit, in 16 città nel resto del mondo. A questo si aggiungono, per il solo pubblico nostrano, 6 film per l’infanzia.
Una piccola vetrina sul giovane cinema italiano che per la prima volta esce così massicciamente dai nostri confini. Un’occasione quindi per scoprire opere capaci di soddisfare tutti i gusti, dalla commedia all’animazione al film drammatico, e che solitamente verrebbero viste soltanto nel circuito dei festival specializzati.

Rudy Ciligot

Leggi il programma!

Attesa del maggioL’attesa del maggio
di Simone Massi, 2014, 8′ – animazione
Il maggio, il merlo: si nascondono al momento del canto.
Nastro d’argento per l’animazione 2015

La salita
di Francesca Barison, 2015, 10′ – fiction
La salitaUn giovane soldato della Prima Guerra Mondiale si ritrova sperduto tra i boschi, mentre attorno a lui infuria il conflitto. Inizierà così il suo allontanamento dalla guerra verso una sorta di ricongiungimento con la natura, che si tramuterà in un viaggio dantesco dall’inferno al paradiso. La sua anima sarà accompagnata dalla figura effimera del vecchio pastore, la sua guida, attraverso la natura immensa e maestosa delle Alpi.
Premio FiatiVeneti a Fiaticorti Festival 2015

EternitE.T.E.R.N.I.T
di Giovanni Aloi, 2015, 14′ – fiction
Un immigrato tunisino, al lavoro per la rimozione dell’amianto, e una donna italiana. Due differenti solitudini che si incontrano in un rapporto ad orologeria.
In concorso a Venezia 72 – Orizzonti; candidato all’EFA.

Lo so che mi senti
di Francesca Mazzoleni, 2014, 16′ – fiction
Lo so che mi sentiMichele e Tommy sono un padre e un figlio uniti da una particolarità: sono entrambi sordi. Questo, però, non vuol dire che l’uno riesca a capire davvero i bisogni e i sentimenti dell’altro. In un viaggio in macchina ai confini della notte, Michele cercherà di portarsi via suo figlio per ricominciare una nuova vita insieme e, anche se tutto sembra andare storto, riuscirà per la prima volta ad ascoltarlo davvero.
Selezionato al COFFI Italian Film & Art Festival Berlin 2015

Mamma mia
Mamma Miadi Milena Tipaldo, Francesca Marinelli, 2014, 7′ – animazione
In due episodi personali (Buon sangue non mente di Milena Tipaldo e Mamma triceratopo di Francesca Marinelli) le autrici raccontano con humor e tenerezza le loro madri e il peso indiscutibile della loro eredità.
Vincitore sezione animazione +18 al Giffoni Film Festival 2013

Menage a troisMénage à trois
di Emanuele Daga, 2015, 13′ – fiction
Un giorno come un altro per Laura, finchè l’amore non bussa alla sua porta… nulla però potrà evitare la sventura.
Inedito

Frankie
di Francesco Mazza, 2015, 19′ – fiction
FrankieLa vita e i tormenti di Frankie, un giovane immigrato italiano con un passato difficile, arrivato a New York per vivere il sogno americano. Ben presto, scopre che la realtà a stelle e strisce è diversa da quella che si aspettava: incomunicabilità, lavori assai umili e una casa in un neighborhood assai diverso dalla Manhattan mostrata nei film.
Audience award a Shortcut Film Festival (Chicago)

Programma per bambini

Senza dialoghi – 42′ – Animazione
Queste brevi storie senza dialoghi provenienti da tutta Europa ci faranno conoscere animaletti divertenti, gentili e commoventi, nel corso delle quattro stagioni.

EterEther (Eter)
di Jorge Garcia Velayos, Spagna, 2004, 5′
Un allettante viaggio nella natura attraverso il vento e l’acqua.

L’uccellino e lo scoiattolo (Der kleine Vogel und das Eichhörnchen)
di Lena von Doheren, Svizzera, 2014, 4′ 30”
L'uccellino e lo scoiattoloÈ autunno. È rimasta soltanto un’ultima foglia colorata, appesa a un lungo ramo. L’uccellino nero vorrebbe bagnarla, ma lo scoiattolo gli porta via l’innaffiatoio e inizia a saltellare da un albero all’altro. L’uccellino insegue lo sfacciato ladruncolo ma ecco che la volpe inizia a pedinarli. Non è interessata all’innaffiatoio. Vuole l’uccellino e lo scoiattolo. Per fortuna riescono a nascondersi sotto le colorate foglie d’autunno. E che fortuna poter suonare la tromba da un innaffiatoio. È bello bisticciare e tornare amici, dopo tutto.

Sogni d'oroSogni d’oro (Slatki snovi)
di Dinko Kumanovic, Croazia, 2015, 12′
Una buffa commedia romantica sullo stile dei film muti, con accompagnamento al pianoforte. Come se fosse destino, le strade di un criceto e di una coppia di scoiattoli sono portate ad incontrarsi, anche nei loro sogni.

La moufleLa muffola (La moufle)
di Clémentine Robach, Francia, 2014, 8′
L’inverno fa sì che gli animali debbano cercare un rifugio alla svelta: Lily e suo nonno si coprono per bene e si organizzano per aiutarli.

 

 

ZebraZebra (id.)
di Julia Ockher, Germania, 2013, 2’45”
Un giorno la zebra si scontra contro un albero e improvvisamente nulla è più come prima.

Il bruco e la gallina (Caterpillar and Hen)
di Michela Donini, Katya Rinaldi, Italia, 2013, 10′
Il bruco e la gallinaIl bruco e la gallina sono grandi amici. Entrambi sanno che il tempo dei saluti è arrivato; sarà la Natura, il battito misterioso del pianeta a dettare il ritmo dell’estenuante attesa e della silenziosa trasformazione.

Nessun Articolo da visualizzare