UN’ESTATE DA KRISTEN STEWART

Non le bastava l’inaugurazione del festival di Cannes con Café Society di Woody Allen, diventare la Personal shopper di Olivier Assayas e poi Kathryn Lynn affianco al giovane soldato traumatizzato dalla guerra in Iraq in Billy Lynn’s Long Halftime Walk di Ang Lee. Ai tre film prossimamente in uscita si aggiungono altri due titoli al curriculum di Bella Swan di TwilightAmerican Ultra di Nima Nourizadeh, in arrivo il 30 giugno, e Equals di Drake Doremus il 4 agosto.

Kristen Stewart sarà Phoebe, fidanzata teenager di Mike, interpretato da Jesse Eisenberg con cui l’attrice aveva già condiviso l’ultimo set di Woody Allen. Il regista londinese ambienta il suo American Ultra in una piccola cittadina americana, in cui l’uso abbondante di droghe è il passatempo preferito di Mike. A sua insaputa, però, Mike è anche un agente super addestrato e letale e improvvisamente, quando il suo passato segreto torna a tormentarlo, il ragazzo viene catapultato nel bel mezzo di un’operazione governativa mortale. Per poter sopravvivere sarà costretto a ricorrere all’eroe che è in lui. Topher Grace, Connie Britton, Walton Goggins, John Leguizamo e Bill Pullman affiancheranno i protagonisti nella commedia d’azione del regista di Project X. 


Dalla problematica periferia americana al futuro distopico nel dramma di fantascienza di Drake Doremus.
Kristen Stewart diventa Nia, un’abitante di una società chiamata Collective, in cui vivono gli Equals, esseri umani incapaci di sentimenti. Una caratteristica geneticamente modificata nelle persone nella fase tra il concepimento e la nascita in modo da privarle delle emozioni e scongiurare l’instabilità politica che nasce dalle emozioni. L’equilibrio della società viene messo in discussione quando in alcuni individui riemerge l’emotività, per cui è previsto prima un trattamento farmacologico e poi la messa a morte. Silas (Nicholas Hoult) si ammala innamorandosi di Nia, solitaria collega di lavoro che corrisponde i suoi sentimenti, e da quel momento per loro inizia un conto alla rovescia per riuscire nella fuga o soccombere alla cura. L’amore è un crimine nel mondo immaginato da Drake Doremus che non è altro che una rivisitazione moderna di 1984, il film di Michael Radford basato sul romanzo di George Orwell. Si cammina in fila indiana dietro mille precursori cinematografici di bianco vestiti, strettamente sorvegliati dai propri simili, minacciati di morte per imperfezione, ovvero per umanità. Romeo e Giulietta si risvegliano in un mondo asettico e silenzioso, sorpresi dal loro stesso desiderio sessuale che li rende criminali in una società di non persone. 
Dagli anni trenta della Café Society di New York al futuro fantascientifico degli Equals, Kristen Stewart attraversa il tempo e lo spazio alla ricerca di una sempre nuova identità. Sapremo solo ad agosto se sarà stata una corsa a perdifiato o una passeggiata verso la gloria. 

Nessun Articolo da visualizzare