Maria Pia Calzone: «Prima il teatro e poi torno in tv»

L'attrice di Gomorra è in questi giorni a Napoli per un dramma teatrale tra thriller e horror. Poi a Todi, accanto a Francesco Montanari. E a fine anno torna in tv, con una serie spagnola in cui interpreta una cantante lirica.

Dopo una lunga pausa imposta dall’emergenza sanitaria, Maria Pia Calzone, l’attrice amata dal grande pubblico come Imma Savastano di Gomorra, torna a far parlare di sé con ben tre lavori.

Il primo è teatrale e va in scena dal 30 luglio fino al 1° agosto al Maschio Angioino di Napoli per la rassegna Scena aperta. Diretta da Enrico Maria Lamanna in Week End, testo chiave dell’autore simbolo della nuova drammaturgia napoletana Annibale Ruccello, la Calzone interpreta Ida. «Una donna distorta, complicata; in cui non mi riconosco affatto; eppure la conosco, anzi “le” conosco: perché Ida è tante donne insieme». Apparentemente è una professoressa che insegna e vive e insegna a Roma, anche se proviene da un’imprecisata provincia campana («Ogni tanto infatti scivola in un dialetto misterioso: ho pensato a quello di mia madre, del beneventano, un po’ arcaico»). Un personaggio sofferente «il cui aspetto esteriore è esattamente l’opposto rispetto alla sua vita emozionale e privata; la femminilità di Ida è in bilico tra il passato, rappresentato da quello che il mondo patriarcale si aspetta da lei, e una pulsione alla contemporaneità, che si esprime all’interno della solitudine delle mura di casa», racconta l’attrice raggiunta al telefono prima della prima di stasera. «Da una parte vuole emanciparsi dall’altra ha un passato che la inchioda portandola in un autentico delirio».

Dopo una breve pausa estiva, la Calzone torna poi in scena il 5 settembre all’interno del Festival di Todi. Questa volta accanto a Francesco Montanari (Romanzo Criminale, Il cacciatore) in The Darkest Night, da un testo inedito di Davide Sacco. «Uno spettacolo che sarà un pugno nello stomaco», spiega l’attrice. «Racconta della notte più buia per un uomo e una donna che li porterà verso una resa dei conti». Un noir che condurrà lo spettatore nell’animo di «due personaggi spietati, disposti a scendere a patti con il male».

Non solo teatro. Prima della pandemia Maria Pia Calzone aveva finito di girare una serie tv spagnola, Dime quién soy, per la regia di Eduard Cortés dove interpreta una grande cantante italiana, la più grande degli Anni 30, che si scoprirà poi essere una partigiana. «Ho dovuto persino studiare lirica partendo da zero, oltre che lo spagnolo che capisco ma non parlavo affatto!». Altri dettagli sono ancora top secret, almeno fino al 21 settembre quando verrà presentata in anteprima mondiale al Festival internazionale del cinema di San Sebastián. «Quello che posso dire è che è stata da poco acquistata da HBO e, dopo la conferenza stampa del prossimo novembre, uscirà in Spagna, presumibilmente a dicembre». Per l’Italia si dovrà aspettare ancora qualche mese.