Mostra del cinema di Venezia, Barbera: “Dialogo con Cannes”

Il direttore artistico, in un'intervista all'ANSA, racconta come sta preparando la manifestazione in programma dal 2 al 12 settembre: "Molti film stranieri non verranno accompagnati dai telent. Conferenze stampa on line"

Il direttore della Mostra del Cinema di Venezia Alberto Barbera

“Con Thierry Fremaux il discorso è ancora aperto e c’è la concreta volontà di entrambi di fare qualcosa, siamo insomma disponibili a tutte le soluzioni”.

Alberto Barbera, direttore artistico della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (2-12 settembre) in un’intervista all’ANSA mostra un certo ottimismo e comunque non esclude “la possibilità di una reale collaborazione con il Festival di Cannes anche nel segno di una solidarietà verso il mondo del cinema più che mai ora in difficoltà. E questo al di là di ogni competizione”.

La prima grande mostra Internazionale del cinema dopo il Coronavirus dice Barbera, “sarà per forza sperimentale. Ci sarà sicuramente l’uso delle mascherine e il distanziamento sociale. Si dovrà poi per forza di cose ridurre il numero di accesso in sala degli spettatori e probabilmente anche il numero stesso degli accreditati”.

Sarà, almeno per come sono le cose oggi, un’edizione di passaggio: “È evidente – aggiunge – che poi molti film, soprattutto stranieri, non verranno accompagnati dai talent che non se la sentiranno o saranno impossibilitati a venire. In questo caso si potranno prevedere conferenze stampa on line. Un problema – continua Barbera – che riguarderà anche le proiezioni che, per i giornalisti non presenti, potranno essere seguite su piattaforme sicure. E questo varrà anche per una parte degli spettatori. Il vantaggio di essere presenti al Lido ci sarà comunque”, sottolinea il direttore artistico, il tappeto rosso, le interviste singole, incontri ristretti e l’atmosfera sono insostituibile e non possono essere rimpiazzati on line”.

Un’edizione del festival più italiana delle altre? “Certo i film italiani saranno avvantaggiati perché i talent potranno con più facilità essere presenti, ma io non sono così pessimista e spero che ci saranno perlomeno anche molti europei presenti”

Cannes 2020, Fremaux: “Possibile collaborazione con Venezia”