Narcos: Messico, lo showrunner Eric Newman: “Lo show umanizza i protagonisti ma non li rende glamour”

Narcos: Messico

“C’è una grande differenza tra umanizzare i personaggi e renderli glamour. Le vite dei narcotrafficanti sono segnate della tragedia. Non sono modelli di comportamento, ma sarebbe superficiale etichettarli solo come mostri». Risponde così Eric Newman, sceneggiatore e produttore esecutivo di Narcos: Messico, a chi insinua che la serie possa trasformare in eroi degli spietati assassini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The new story from the Narcos universe sets sail November 16.

Un post condiviso da Narcos (@narcos) in data:

NON C’È SOLO PABLO ESCOBAR – Superate le critiche e la conclusione dei primi tre capitoli colombiani dedicati a Pablo Escobar e ai suoi eredi, il nuovo show di Netflix espande l’universo di Narcos e si sposta in Messico per raccontare la nascita del potente e violento cartello di Guadalajara: l’impero criminale, fondato negli anni ottanta dal boss Miguel Ángel Félix Gallardo, capace di dominare il narcotraffico messicano e di fare entrare enormi quantità di stupefacenti nel redditizio mercato degli Stati Uniti.

Narcos

NUOVI PROTAGONISTI – Disponibile su Netflix dal 16 novembre dopo la presentazione in anteprima al Lucca Comics & Games (all’interno dell’Area Movie a cura di QMI), Narcos: Messico ripercorre in dieci episodi l’incredibile ascesa nel mondo criminale di Gallardo, conosciuto anche come El Padrino, a cui presta il volto Diego Luna, straordinario in Y tu mamá también di Alfonso Cuarón e poi protagonista anche di Rogue One: A Star Wars Story. A contrastare lo strapotere dello spietato boss troviamo Enrique “Kiki” Camarena. L’agente americano della DEA è  interpretato da Michael Peña, visto recentemente in Ant-Man and the Wasp.

Narcos: Messico

UNA STORIA VERA CON MOLTI RISVOLTI INEDITI – L’esito finale dello scontro tra Gallardo e Camarena è cosa risaputa: nasce da lì l’Operazione Leyenda, la più vasta indagine portata avanti dagli Stati Uniti per contrastare il narcotraffico. Se siete in cerca di spoiler affidatevi quindi alla memoria o a Google, ma noi vi consigliamo di godervi la serie perché offre un ritratto sfaccettato e mai banale dei protagonisti, cercando di comprendere
cosa li abbia spinti ad agire.

Continua a leggere l’intervista a Eric Newman sul numero di novembre di Ciak!