Nasce il Festival della Commedia Italiana di Formia: il programma

Una kermesse che celebri il genere più rappresentativo del cinema italiano, “trait d’union” tra grande pubblico e maestri della settima arte: è l’idea del Festival della Commedia Italiana di Formia, la nuova manifestazione che animerà la città laziale dal 30 giugno all’8 luglio 2019. Il festival è diretto da Fabrizio Conti e ideato insieme a Ricky Tognazzi e Simona Izzo.

Al centro del programma, sei titoli che si contenderanno lo scettro di “Commedia migliore di sempre” selezionati da due giurie, quella specializzata (composta dalla Presidente dei Giornalisti Cinematografici Italiani Laura Delli Colli, dal direttore di Radio Rai Roberto Sergio, dal Presidente della Roma Lazio Film Commission Luciano Sovena e dall’ufficio stampa Paola Comin) e quella social: Benvenuti al Sud di Luca Miniero, Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani, Ricomincio da tre di Massimo Troisi, Febbre da cavallo di Steno, Il Marchese del Grillo di Mario Monicelli e La vita è bella di Roberto Benigni. In programma anche altri capolavori della commedia italiana di ogni epoca: Non ci resta che piangere di Benigni e Troisi, 9 lune e mezza di Michela Andreozzi, Brancaleone alle Crociate e Amici miei di Monicelli, Ma cosa ci dice il cervello? di Milani, La banda degli onesti di Camillo Mastrocinque, Quo vado? di Checco Zalone, Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa? di Ettore Scola.

Come un gatto in tangenziale

Il festival, condotto dalla giornalista di SkyTg24 Olivia Tassara e dall’attore Fabrizio Sabatucci, prevede anche un omaggio ad Alberto Sordi a 99 anni dalla sua nascita, con la proiezione di alcuni dei suoi capolavori, da Il Marchese del Grillo Il conte Max. 

E durante i giorni del festival, dalle 9 alle 19 presso la Corte Comunale di Formia, sarà possibile visitare la mostra “Stelle silenti – Le dive del muto italiano”, realizzata in collaborazione con Le Giornate del Cinema Muto e per gentile concessione dell’Istituto Luce- Cinecittà, con una serie di foto e fotogrammi di grandi attrici del cinema muto italiano degli anni ’10 e ’20.