A L’Aquila il cinema riparte con il Premio Oscar Nomadland

Il 30 aprile il Cinema Teatro Zeta sceglie il film di Chloé Zhao.

In un momento così importante, di ripartenza, in molti si stanno impegnando a riportare in sala il pubblico in astinenza da cinema. Ma è particolarmente simbolico il segnale che viene da L’Aquila, una delle città italiane che più coraggio e resistenza han dimostrato negli ultimi anni. Proprio dal capoluogo abruzzese, infatti, arriva la notizia della riapertura del locale Cinema Teatro Zeta, ultimamente molto attivo con una serie di iniziative teatrali in streaming.

Il film scelto non poteva che essere il Nomadland di Chloé Zhao, Leone d’Oro alla scorsa Mostra di Venezia e fresco vincitore di tre Premi Oscar (miglior film, miglior regia e miglior attrice). “Cinema di qualità”, come quello che il ‘Nuovo Cinema’ de L’Aquila dichiara di voler offrire agli spettatori.

See You Down the Road, l’emozionante doc del dietro le quinte di Nomadland

Come si legge sul sito della struttura, il film sarà proiettato nei giorni 30 aprile – 1/2/6/7/8/9 maggio, prima che alla fine del mese si torni a dedicarsi alle attività del Teatro. Due soli gli spettacoli previsti, ogni giorno: alle ore 17.15/19.45. Motivo in più per seguire il consiglio di prenotare via sms o whatsapp al numero indicato dal direttore Manuele Morgese (3297488830).

Che ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Riaprire è un segno di liberazione e speranza, dopo tanti mesi pesanti e interminabili. Per fortuna le attività della Compagnia non si sono mai fermate! Ma accogliere il pubblico dal vivo è un’altra storia. L’impegno sociale e pluriennale sul territorio per la diffusione della cultura e dello spettacolo, dopo il riconoscimento della sala da parte del Ministero, come cinema d’essai, viene ribadito con questa importante e repentina riapertura. Come Teatrozeta, Cinemazeta non fa ‘business’, fa cultura. Ed oggi ‘fare cultura’ vuol dire ancora di più ‘scegliere’ e soprattutto essere liberi, essere artisti.

Nessun Articolo da visualizzare