Addio a Cecilia Mangini, la prima documentarista italiana

Il suo ultimo lavoro s'intitola Due scatole dimenticate - Viaggio in Vietnam

Si è spenta a 93 anni la regista e documentarista Cecilia Mangini. Nata a Mola di Bari, ma vissuta prima a Firenze e poi a Roma, ha lavorato a lungo con il marito Lino Del Fra, tra le voci più importanti del documentario italiano. I due hanno esplorato con la loro macchina da presa l’Italia dalla fine degli anni ’50 fino ai primi anni ’70.

Nel 2009 la documentarista ha ricevuto a Firenze la Medaglia del Presidente della Repubblica, nell’ultimo decennio le sono state dedicate molte mostre fotografiche: nel 2010 in Francia, a Créteil nel corso della sua retrospettiva al 33° Festival de Films des Femmes; nel 2011 a Barcellona; nel 2016 a Bari, nell’ambito del BIF&ST. Dal 2013 è tornata alla regia grazie al coinvolgimento della regista Mariangela Barbanente con la quale ha realizzato il documentario In viaggio con Cecilia.

L’ultimo film (anche nella versione espositiva) s’intitola Due scatole dimenticate – Viaggio in Vietnam (2020), grazie alla fortuita scoperta di negativi ritrovati in due scatole di scarpe scordate in un armadio: fotografie incredibili fatte nella campagna condivisa col marito in Vietnam in guerra con gli Usa, tre mesi tra ’65 e ’66.

Nessun Articolo da visualizzare