BOX OFFICE USA: “LEGO BATMAN” VINCE IL PRESIDENTS’ DAY WEEKEND

L’annuale appuntamento con il lungo weekend dei Presidenti ha visto trionfare il piccolo Batman formato Lego della pellicola di Chris McKay. LEGO Batman-Il film ha, infatti, incassato 42.5 milioni di $ in 4 giorni (miglior media per sala della top ten con 10.396 $) portandosi a 107 casalinghi e quasi 180 in tutto il mondo (ne è costati 80).

Cinquanta Sfumature di Nero conferma, nonostante un importante calo del 50 %, la seconda posizione con 23.2 milioni di $. Il calo fatto registrare in questo secondo weekend di distribuzione non deve, tuttavia, spaventare i produttori che possono già vantare numeri più che soddisfacenti (91 milioni in patria e 279 internazionali).

Debutto, non entusiasmante (21.6 milioni), in terza piazza per The Great Wall, l’imponente kolossal d’avventura (budget da 150 milioni di $) prodotto da Stati Uniti e Cina. Il film di Zhāng Yìmóu (il primo diretto in lingua inglese) con Matt Damon è però un successo internazionale con 266 milioni complessivi (170 incassati solo in Cina).

John Wick: Chapter 2 è quarto con 19 milioni e 61 complessivi. In tutto il mondo l’action con Keanu Reeves è a 93 milioni di $ (la spesa per realizzarlo ammonta a 40 milioni). Quinto posto per un’altra new entry della settimana: Fist Fight. La comedy con Ice Cube e Charlie Day apre al di sotto delle aspettative con 14.5 milioni di $. Alla posizione numero sei troviamo Il diritto di contare con 8.7 milioni di $ (144 totali e 166 all’estero). Split è settimo e incassa altri 8.3 milioni che portano il totale casalingo a 124 (presto diventerà il terzo film di Shyamalan più visto di sempre nel territorio nordamericano). Fuori dagli Usa, invece, il thriller con James McAvoy sfiora i 200 milioni. Ottavo posto per Qua la zampa! che, nonostante le polemiche che lo hanno accompagnato nella distribuzione, fa registrare buoni incassi (7.4 milioni e 52 totali). La La Land è nono con 5.4 milioni (134 negli Usa e 340 worldwide). Lion è decimo (5 milioni, 37 casalinghi e 76 globali) ma è anche il film della classifica con l’incremento maggiore (+31%).

Da segnalare, infine, lo sfortunato esordio de La cura del benessere che non riesce nemmeno a entrare in top ten. L’ambizioso thriller di Gore Verbinski incassa 5 milioni e dovrà puntare forte sui mercati esteri per recuperare i 40 milioni di $ del budget.

Daniele Pugliese

Nessun Articolo da visualizzare