Pretty Little Liars: le foto imbarazzanti di Ian Harding all’Università!

Chi avrebbe mai detto che dietro il faccino pulito col quale ci ha conquistato recitando nel ruolo impettito di Ezra Fitz in Pretty Little Liars, anche Ian Harding fosse stato come tutti a corto di freni inibitori durante gli anni trascorsi studiando all’Università? Il ragazzo modello, lo studente preparatissimo – come sugli schermi – nelle materie letterarie, l’amico sensibile sempre pronto a fornire il consiglio giusto, ad ammonire con rigore, a distogliere dall’errore, nascondeva pure un lato diametralmente opposto, di gran lunga più spensierato e ironico. In fondo è stato proprio questa l’attitudine che gli amici sul set gli hanno ricordato celebrandolo nel giorno del suo recente compleanno: sia Lucy Hale che Keegan Allen, e perfino Marlene King, hanno rievocato le grasse risate che Ian è stato capace di provocare con battute e scherzi divertenti nei sette anni di lavoro insieme, con il suo carattere in fondo molto più vivace di quanto non traspaia dallo schermo.

E queste sue doti devono avere radici davvero profonde, come hanno dimostrato alcune foto che uno degli ammiratori e follower dell’attore gli ha spontaneamente caricato sul suo profilo twitter, e che risalgono agli anni in cui Ian frequentava l’ambiente accademico. Avete presente quegli scatti che immortalano quanto possiamo renderci ridicoli e impresentabili divertendo gli altri o alzando un po’ il gomito? Be’, eccoli qua, e il loro ricordo – a detta dello stesso Harding – è piuttosto doloroso!

Harding frequentò una delle più prestigiose Università private della Pennsylvania, la Carnegie Mellon University, e lontano da casa e dalla famiglia di militari in cui era cresciuto, nel dormitorio assegnatogli all’interno del ricchissimo campus, lui e gli amici dovevano proprio scatenarsi. Giudicate infatti voi dai due scatti seguenti, che per le smorfie ridicole, gli occhi vispi e l’abbigliamento trasandato, ci catapultano a capofitto in una delle fasi più precoci della vita del futuro attore. 

Verrebbe da chiedersi che cosa lo abbia così disgustato, ma per paura della risposta sarà meglio mettere da parte la curiosità…

La barbetta incolta e ancora immatura o il volto coperto d’innumerevoli efelidi lo rendono davvero diverso rispetto a come lo abbiamo conosciuto, ma non certo irriconoscibile.

Ma doveva essere proprio durante i tipici party universitari che il bell’Ian dava il meglio di sé, mettendo a profitto l’ironica inclinazione di cui si diceva all’inizio. Fu peraltro proprio durante il periodo universitario (qui era probabilmente il 2005) che il giovane decise di prendere parte ad alcuni corsi di recitazione che lo avrebbero in seguito avviato alla professione e al debutto del 2009 nel film di Greg Mottola Adventurland.

Ancora qualche anno, e lo stesso ragazzo dell’imbarazzante foto che segue, a soli ventiquattro anni sarebbe diventato l’idolo di milioni di ragazzine in tutto il mondo, sin dalle prime romantiche sequenze in cui lo abbiamo visto accanto all’adorabile Lucy Hale in Pretty Little Liars.

Tutto questo per dire che se anche voi siete messi a disagio da vecchi scatti nei quali sono stati immortalati certi vostri incredibili exploit che vi facciano dubitare di aver persino mai avuto un briciolo di pudore, sappiate che trascendendo da essi potreste essere proprio voi – com’è accaduto a Ian – le star del futuro!

Pretty Little Liars è una serie Freeform creata da Marlene King e i ispirata ai romanzi di Sara Shepard, con protagoniste Lucy Hale (Aria Montgomery), Troian Bellisario (Spencer Hastings), Shay Mitchell (Emily Fields), Ashley Benson (Hanna Marin), Sasha Pieterse (Alison DiLaurentis) e Ian Harding (Ezra Fitz), Keegan Allen (Toby Cavanaugh), Tyler Blackburn (Caleb Rivers).

Se l’articolo ti ha interessato, leggi anche:

PLL 7B: lo spoiler di Marlene che concentra i sospetti su Mona

Lucy Hale di PLL vola in Messico con un’associazione benefica

PLL: il padre di Charlotte DiLaurentis non è poi così incerto!

PLL 7B: Marlene King si commuove scrivendo il finale

PLL 7B: sentiremo ancora parlare di Maya, parola di Marlene King