L’OPINIONE DI CLAUDIO MASENZA

L’ESPERTONE

IL REGISTA CHE VIENE DAL FREDDO

Canadese, premiato all’ultima Mostra di Venezia per Tom à la ferme, considerato uno dei registi giovani più promettenti, Xavier Dolan è completamente ignorato dai distributori italiani. Da recuperare in Dvd

Xavier Dolan, bravo regista sconosciuto in italia
Nel numero di Ciak del mese scorso hai inserito Laurence Anyways di Xavier Dolan nella rubrica Chi li ha visti? I film introvabili in Home Video. Ma a me risulta che anche gli altri film di Dolan non siano disponibili in Italia. È così?
Mariano Guidi, via Email

Purtroppo sì. Quel film del 2012 era l’unico da me visto e mi aveva molto colpito. Ma nel frattempo ho recuperato i due precedenti, J’ai tué ma mere (2009) e Les amours imaginaires (2010), e sono sempre più impressionato dal talento di questo ragazzo del Québec – classe 1989 – regista, attore, sceneggiatore… presente nei maggiori festival e pluripremiato ma ignorato dai distributori italiani, nonostante il suo quarto film, Tom à la ferme, abbia vinto all’ultimo Festival di Venezia il premio FIPRESCI della stampa internazionale. Un caso di miopia per me inspiegabile. Tom à la ferme, dopo aver partecipato a ventuno festival – secondo il sito IMDB – sta uscendo ora in alcuni paesi europei. È quindi presto per tentare di trovarlo in Dvd ma i precedenti li ho acquistati dall’Inghilterra dove sono in vendita in versione originale francese con sottotitoli inglesi – per me molto utili. Eleganza, ironia, canzoni kitsch, ottimi attori e grandi e piccole passioni. Bravo Dolan! Se siete in grado di capire il francese, o leggere l’inglese, non perdete i suoi film.

Le uscite in dvd di Giuseppe Patroni Griffi
Sono un grande ammiratore di Giuseppe Patroni Griffi, dei suoi romanzi e testi teatrali come dei suoi film. Hai più di una volta annunciato l’uscita in Dvd di Metti una sera a cena ma non sono riuscito a trovarlo. Come pure altre sue pellicole. E che mi dici di D’amore si muore e Anima nera?
Giulo Doblici, via Email

Florinda Bolkan (73 anni) in Metti una sera a cena di Giuseppe Patroni Griffi.
Florinda Bolkan (73 anni) in Metti una sera a cena di Giuseppe Patroni Griffi.

Ti confermo che Metti una sera a cena e Addio fratello crudele usciranno per Raro Video, anche se non ho ancora una data. Sono disponibili La gabbia con Laura Antonelli e Tony Musante e Identikit con Elizabeth Taylor – da un romanzo di Muriel Spark – purtroppo solo in versione italiana. Ma l’edizione americana, in pan & scan, ha una qualità video così scadente da farmi preferire per una volta quella doppiata per apprezzare la fotografia di Vittorio Storaro. Mancano all’appello : Il mare del ‘62, primo film di Patroni Griffi, con Dino Mele e Divina creatura del ‘75 con Laura Antonelli e Terence Stamp. Oltre al televisivo La romana dell‘88 con Francesca Dellera e Gina Lollobrigida dal romanzo di Alberto Moravia. Anima nera del ‘62 e D’amore si muore del ’72, entrambi introvabili, sono tratti da testi teatrali di Patroni Griffi ma diretti da Roberto Rossellini – con Vittorio Gassman – il primo e da Carlo Carunchio – con Silvana Mangano – il secondo. Spero davvero che queste lacune siano presto colmate.   
 
Fra le uscite di Giugno vi segnalo:
in blu-ray da Warner, Alexander – The ultimate Cut, di Oliver Stone, con Colin Farrell e Angelina Jolie, che dai 160′ dell’uscita in sala passa a 205′- 30′ più della versione estesa. E due titoli diretti e interpretati da Clint Eastwood, Corda tesa con Geneviève Bujold e I ponti di Madison County con Meryl Streep. Universal distribuisce l’inedito Jack Ryan – L’iniziazione di Kenneth Branagh con Chris Pine, Kevin Costner e Keira Knightley, Larry Flynt – Oltre lo scandalo di Milos Forman con Woody Harrelson e Courtney Love e due film di Steven Spielberg : Amistad con Matthew McConaughey e Djimon Hounsou e The Terminal con Tom Hanks e Catherine Zeta-Jones, tutti in BD. Cinemaitalia, Infanzia, vocazione e prime esperienze di Giacomo Casanova, veneziano di Luigi Comencini con Leonad Whiting e un’adolescente Cristina Comencini. Sinister propone l’horror Chi è l’altro di Robert Mulligan, il mitico 2022: I sopravvissuti di Richard Fleischer con Charlton Heston, Carovana verso il sud di Henry King con Tyrone Power e Susan Hayward, La valle del destino di Tay Garnett con Greer Garson e Gregory Peck e Il sangue e la rosa di Roger Vadim con Mel Ferrer ed Elsa Martinelli. Infine, per CG, ancora Vadim, regista de Il riposo del guerriero con Brigitte Bardot e Robert Hossein, dallo “scandaloso” romanzo di Christiane Rochefort.

Nell’immagine di apertura: Xavier Dolan (25 anni), regista e protagonista di Tom à la ferme.

[divider]UN DVD DA STAR[/divider]

[column size=one_quarter position=first ]

Donatella Finocchiaro

[/column][column size=three_quarter position=last ]

Ovvero i consigli cinematografici di attori e registi
DONATELLA FINOCCHIARO

La sera della prima di John Cassavetes, 1977 (Raro Video/Minerva)
Quando lo vidi in un cineclub ne rimasi folgorata. Non facevo ancora l’attrice e rivedendolo ora riconosco lo struggimento nel non riuscire a trovare affinità col personaggio, la crisi, spesso dolorosa, che precede il debutto. Il film, girato meravigliosamente, ricrea tutto questo con la magia di un regista capace di seguire con passione gli attori.[/column]

 

Nessun Articolo da visualizzare