Gabriele Muccino ancora contro i David: “Penso di ritirarmi come giurato e di non presentare mai più i miei film in gara”

Il regista continua ad esprimere il suo disappunto verso i David di Donatello: "Non lo si può più considerare il premio più prestigioso del cinema italiano nel mondo".

Gabriele Muccino torna all’attacco e lancia ancora una volta pesanti parole contro i David di Donatello. Appena qualche giorno fa si era scagliato contro la scelta dei titoli selezionati per l’edizione 2021, nella quale non ha trovato spazio il suo “Gli anni più belli”, sottolineando il suo sconcerto per la presenza, in più categorie, del film “Favolacce” dei fratelli D’Innocenzo.

LEGGI ANCHE: “La risposta dei fratelli D’Innocenzo ai commenti di Muccino”

Sempre su Twitter, il regista confida ora l’intenzione di ritirarsi dalla giuria dei David e di non presentare mai più i suoi film in gara, per quello che non considera più essere l premio più prestigioso del cinema italiano nel mondo.

Mi tiro fuori con amarezza, non certo invidia, per aver adorato il NOSTRO cinema più nobile e vederlo ridotto ad una schermaglia tra film minori, ignorati e /o sopravvalutati. Mi dispiace anche per il pubblico che ha perso interesse assistendo a gare tra film sconosciuti.” aggiunge in risposta al tweet principale.

“Come crediamo di riportare il pubblico italiano a tifare per il nostro cinema se i titoli in gara sono sconosciuti ai molti, e peraltro nemmeno tra i più amati!? Lo scollamento sarà sempre più marcato e disastroso per l’intera industria del cinema e della sua filiera”.

Nessun Articolo da visualizzare