Notre-Dame in fiamme, la recensione

Da oggi su Sky Cinema il film di Jean-Jacques Annaud che narra le tragiche ore dell'incendio della cattedrale gotica di Parigi

0
Notre-Dame in fiamme

Esattamente tre anni fa un incendio, in maniera del tutto inaspettata, colpì la più grande cattedrale gotica di Parigi. In Notre-Dame in fiamme il regista francese Jean-Jacques Annaud racconta quelle durissime ore in cui le squadre di pompieri furono impegnate a domare le fiamme che minacciavano di devastare uno dei più importanti capolavori dell’arte di tutti i tempi. Presentato da Vision Distribution e Pathé il film, che descrive con precisione luoghi, personaggi ed eventi protagonisti di quei drammatici momenti, è da oggi disponibile su Sky Cinema.

Con un magistrale lavoro di ricostruzione tanto della cronaca, quanto dei protagonisti e degli ambienti coinvolti nell’incendio, Jean-Jacques Annaud (Il nome della rosa, 1986, L’orso, 1988) compone un vero e proprio racconto di quelle ore a tratti quasi epico. Senza addentrarsi in aspetti di natura politico-giuridica, il regista e cosceneggiatore si dedica soprattutto ai risvolti umani, sociali e culturali di quell’evento.

Jean-Jacques Annaud, Notre-Dame in fiamme

Annaud prende le mosse dalle ordinarie circostanze che precedettero l’incendio per fornire allo spettatore un quadro distinto di come questo abbia potuto avere inizio. Con estrema chiarezza espone quella congiuntura di cause, apparentemente assurde, che in quel terribile 15 aprile del 2019 portarono le fiamme a divampare sul tetto della cattedrale di.

La scarsa attenzione per le misure di sicurezza e le cattive condizioni in cui vertevano gli ambienti della cattedrale di Notre-Dame costituirono le circostanze favorevoli a determinare un incendio. Ma vi furono anche altri sorprendenti elementi che consentirono alle fiamme di divampare indisturbate per ore sul tetto.

Ci volle infatti quasi un’ora prima che la folla e le autorità si rendessero conto della minaccia che incombeva su Notre-Dame e, cosa che ancora più tristemente sorprendente, a causa del traffico intenso altro tempo fu perso dai pompieri nel tentativo di raggiungere la cattedrale con i camion.

L’analisi di Annaud contenuta nel racconto di quell’evento si sviluppa su un piano puramente sociologico e in questo modo assume un carattere epico ed universale.

La vera protagonista del film è proprio Notre-Dame, bellissima, fragile e minacciata da un antagonista spietato e crudele: le fiamme. Le squadre di soccorso dei pompieri di Parigi intervenute rappresentano l’eroe impegnato in una sfida al di sopra delle proprie possibilità, ostacolato da una serie di difficoltà che mettono costantemente a rischio l’impresa di salvataggio.

Notre-Dame in fiamme

Prima il traffico cittadino e la folla assiepata nei pressi della cattedrale ritardano considerevolmente il loro intervento, e successivamente una serie di imprevisti dovuti alle cattive condizioni della struttura, non solo impediscono le operazioni di contenimento delle fiamme, ma mettono la vita stessa dei pompieri in serio pericolo.

Avvalendosi anche dei filmati amatoriali inviatigli da coloro che allora furono testimoni oculari dell’episodio, Annaud compone così un racconto storico e corale, emotivamente coinvolgente e toccante anche per gli aspetti umani e spirituali, che non manca mai di chiarezza nella ricostruzione dei fatti e delle circostanze.

LEGGI ANCHE: Jean-Jacques Annaud: “Notre Dame come una tragedia classica”

RASSEGNA PANORAMICA
voto