Predator, il reboot della Disney ha finalmente un titolo ufficiale

Rivelati anche i primi dettagli relativi a storia e cronologia della saga

Predator saga
Predator saga

Non si parla abbastanza del film con cui Dan Trachtenberg (10 Cloverfield Lane) dovrebbe tornare dietro la macchina da presa, il reboot della Disney del cult Predator, del quale hanno parlato i produttori John Davis e John Fox rivelando dettagli sulla storia e la timeline, ma soprattutto il titolo ufficiale.

Predator, Dan Trachtenberg è il regista del nuovo film

Che sarà Skull, “teschio”, anche se avendo ancora definito una data di uscita è lecito attendersi qualche novità. In ogni caso non sarà troppo in là col tempo, visto che la lavorazione – iniziata a Calgary il 7 giugno – dovrebbe terminare il prossimo 20 agosto.

Il film sarà un prequel del Predator originario del 1987 con Arnold Schwarzenegger, e nelle intenzioni della produzione dovrebbe rivaleggiare con il franchise di Alien, con il quale questo capitolo avrebbe in comune la presenza di una protagonista femminile, la Amber Midthunder (Legion, Roswell) annunciata a maggio.

Pretesa non peregrina, dopo quattro film (Predator, Predator 2, Predators e The Predator), due serie crossover (Alien vs. Predator e Aliens vs. Predator 2) e una infinita serie di fumetti, romanzi e videogiochi. Il problema è semmai dove inserire questo nuovo capitolo nella cronologia della saga…

Jean-Claude Van Damme, ecco perché l’attore rifiutò di apparire in Predator

“Abbiamo iniziato a concepire questo film mentre stavamo girando l’ultimo – ha raccontato Davis. – Dan è venuto da me con uno scrittore e un’idea, ma non potevamo girare un film e prepararne un altro, specialmente quando uno era l’attuale fine del franchise e l’altro si svolgeva all’inizio. E’ stato sempre fatto tutto con molta segretezza, perché ci sia qualcosa là fuori che vi sorprenda”.

“Si torna a quel che ha fatto funzionare il film originale di Predator – ha continuato il produttore: – L’ingegno di un essere umano che non si arrende, che è in grado di osservare e fondamentalmente di sconfiggere qualcuno più forte, più potente e ben armato”. “Di fatto, è più simile a The Revenant che a qualsiasi altro Predator. Ma lo capirete quando lo vedrete”, ha aggiunto Fox, senza specificare una cronologia esatta e invitando a usare “l’immaginazione”.

“Sarà, credo, il secondo migliore – o il primo… – Si sbilancia ancora Davis, – o potrebbe essere uguale al primo. Giusto? Il primo è stato un film meraviglioso e interessante, e so cosa ha funzionato. Penso che questo sia un degno complemento del primo. Sarà altrettanto bello”.

Nessun Articolo da visualizzare