Triplets, Tracy Morgan è il terzo gemello nel sequel di Ivan Reitman

L'attore comico affiancherà Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito.

Tracy Morgan, Triplets (Paul Mobley)

Ci sono voluti 33 anni, ma dopo tanto parlarne pare che Ivan Reitman, Arnold Schwarzenegger e Danny DeVito abbiano trovato l’idea giusta per realizzare sequel de I gemelli del 1988. Che si dovesse aggiungere un terzo fratello alla strana coppia di allora era chiaro, ma chi? La soluzione si chiama Tracy Morgan, volto di decine di commedie e del popolare Saturday Night Live.

Ghostbusters: Legacy, Ivan Reitman ha pianto dopo aver visto il film

Sarà lui il terzo fratello perduto sul set di Boston, dove a gennaio dovrebbero iniziare le riprese di Triplets, almeno stando alle voci che stanno circolando al Mercato del Festival di Toronto, che si concluderà il prossimo 18 settembre. E alla dichiarazione dello stesso regista e produttore:

“Abbiamo bisogno dell’inverno, e suppongo che probabilmente gireremo a Boston. Sembra fantastico e ha montagne nelle vicinanze e c’è un buon regolamento fiscale. Stiamo lavorando da indipendenti e vogliamo mantenere bassi i costi. Ha funzionato molto bene in I Gemelli, non vedo alcun motivo per non farlo anche stavolta”.

Il principe cerca figlio, il clan di Eddie Murphy 30 anni dopo

Tutto nasce dall’incontro di Schwarzy ed Eddie Murphy. E dall’amicizia tra Reitman e l’attore di Il principe cerca figlio, Superhero o Sballati per le feste:

“Sono stato un buon amico di Tracy Morgan per molto tempo e ho sempre pensato che fosse uno degli uomini più divertenti del mondo. Ho pensato che sarebbe stato fantastico e abbiamo riscritto l’intera sceneggiatura per lui. Ora cercheremo di mettere insieme i soldi per farcela”.

Di seguito un abbozzo della sinossi, accennata da Reitman:

“Segretamente è nato un terzo bambino, un bambino nero, che non ha mai incontrato i suoi fratelli. I tre non si conoscono e molto presto nel film si incontrano, creando un legame dopo tanti anni. È davvero un film sulla famiglia e su come, non importa quanto siamo diversi, dobbiamo imparare ad andare d’accordo. Questi ragazzi hanno una grande chimica, e si vede nelle scene l’energia che tirano fuori l’uno dall’altro”.

Nessun Articolo da visualizzare