Universal firma un accordo storico con CineMark: definito il passaggio dalla sala allo streaming

Dipenderà tutto dal primo weekend dopo l'uscita del film.

Dopo aver firmato l’accordo con AMC Theatres, la Universal (la più grande catena cinematografica al mondo) ha siglato un altro storico accordo con la terza catena cinematografica statunitense, Cinemark, per la riduzione della finestra cinematografica.

Se il patto con AMC dava la possibilità a Universal di rilasciare i propri titoli in streaming dopo 17 giorni dall’uscita nelle sale condividendo i ricavi con l’esercizio, con Cinemark la durata della finestra dipenderà dall’incasso in sala nel primo weekend: se un film incassa più di 50 milioni di dollari nel fine settimana di apertura, dovrà rimanere nei cinema per almeno 31 giorni ovvero cinque fine settimana; tutti gli altri titoli possono essere resi disponibili per il noleggio su piattaforme digitali dopo soli 17 giorni.

In realtà, secondo fonti interne di Variety, queste condizioni saranno molto probabilmente estese anche all’accordo con AMC. Specifichiamo quindi che i due accordi non prevedono che le nuove uscite cinematografiche passino definitivamente allo streaming dopo tre fine settimana. Tuttavia, questi accordi offrono alla Universal l’opportunità di recuperare le potenziali perdite nel caso in cui un film abbia una performance deludente in sala.