Viggo Mortensen in un ruolo gay, scoppia la polemica e lui risponde: “Chi vi dice che sono etero?”

Il film dipinge il difficile compito di un omosessuale che deve dividersi tra l’accudire un genitore anziano con la demenza senile e il crescere suo figlio.

Come già raccontato in questo articolo, rivedremo Viggo Mortensen come regista, sceneggiatore e interprete del suo nuovo film, Falling. Una polemica però è subito uscita fuori. È giusto che un uomo etero dia il volto a un personaggio gay, quando un attore gay potrebbe aiutare a rendere il personaggio “più autentico”?

L’attore ha subito risposto affrontando le critiche: “Che ne sapete della mia vita? Date per scontato che io sia completamente etero. Forse lo sono, forse non lo sono. Ma francamente non sono affari vostri. Voglio che il mio film funzioni e voglio che il personaggio di John sia efficace. Se non pensassi che fosse una buona idea non lo farei”.

Continua poi: “E quando le persone mi chiedono ‘E allora Terry Chen – che interpreta mio marito nel film – lui è omosessuale?’. E la mia risposta è ‘Non lo so, e non mi sognerei mai di chiedere a qualcuno se lo fosse durante le audizioni’“.

“Falling” si è fatto notare nella scorsa edizione del Sundance Film Festival, ed è attualmente in fase di distribuzione in Europa, anche se non conosciamo alcun dettaglio su quando e come approderà in Italia.

Nessun Articolo da visualizzare