PINUCCIO LOVERO YES I CAN

In sala dal 15 maggio

Italia, 2012 Regia Pippo Mezzapesa Interpreti Pinuccio Lovero, Anna Pappapicco Sceneggiatura Pippo Mezzapesa Produzione Fanfara Film, Vivo Film Distribuzione Microcinema Durata 1h e 12’  
www.facebook.com/casalovero
IL FATTO — Pinuccio Lovero è il becchino di Bitonto già immortalato da Pippo Mezzapesa nel 2009 nel documentario Sogno di una morte di mezza estate. All’epoca era solo il beccamorto del paesino pugliese di Mariotto dove, per somma sfortuna, diciamo così, non moriva nessuno. La sua surreale vicenda, e la bizzarra ambizione cimiteriale, valse improvvisa popolarità a questa sorta di Zalone naif, sbarcato alla Mostra di Venezia e successivamente star di tutti i talk show. Cinque anni dopo, il regista lo ritrova assunto a tempo indeterminato, il piccolo sogno si è realizzato, ma Lovero soffre il cono d’ombra e cerca a tutti i costi un nuovo palcoscenico, candidandosi nelle liste di Sel alle comunali.
L’OPINIONE — Irresistibile la campagna elettorale di Pinuccio, o la discesa in campo-santo, come dice lui: manifesti in divisa da becchino, promesse di loculi per tutti e slogan come: «Ti prometto un posto sicuro », mentre sullo sfondo di Pinuccio Lovero Yes I can scorrono i messaggi di assurdi candidati e vibra l’ossessione della celebrità televisiva come ultima spiaggia.
Il protagonista resta irresistibile, ma la disillusione sarà crudele. Un godibile, eppure amarissimo, spaccato d’Italia marginale dominata dall’illusione della celebrità e dalla politica spettacolo. Con disarmante cameo finale di Nicki Vendola.
SE VIÂ È PIACIUTO GUARDATE ANCHE…
Si consiglia la gustosa sitcom web Casa Lovero costruita per il lancio del film. Con sostenitori in campo del peso di Zalone, Argentero e Scamarcio. —Piera Detassis