PIXELS

Id., Usa, 2015 Regia Chris Columbus Interpreti Adam Sandler, Peter Dinklage, Josh Gad, Michelle Monaghan, Kevin James Distribuzione Warner Durata 1h e 45′

In sala dal 

29 luglio

Negli anni ’80 gareggiavano per il campionato mondiale dei giochi Arcade, ora sono dei disadattati. Eppure Sam Weller, Ludlow Lamonsoff e Eddie “The Fire Blaster” Plant saranno chiamati dal Presidente Usa e loro compagno di giochi di infanzia Will Cooper nientemeno che a salvare il mondo dalla più assurda delle invasioni aliene. Infatti, a causa di una sonda spaziale inviata allora che riportava tra i vari reperti anche le immagini di quel torneo, degli extraterrestri, sentendosi per questo sfidati/minacciati, decidono di attaccare la terra proprio usando come armi Space Invaders, Pac-Man, Donkey Kong e tanti altri videogames vintage. Sarà una battaglia a colpi di pixels e smanettoni.

Nei tardi ’80, l’emergente Chris Columbus è stato uno dei più impeccabili alfieri della comedy scacciapensieri yankee, con Tutto quella notte e la trilogia di Mamma ho perso l’aereo (dopo si è dedicato a qualche Harry Potter e a Percy Jackson). E in Pixels qualcosa di quello spirito è rimasto, non solo per l’idea di usare i primi videogames e riconvertirli, grazie a effetti speciali e computer, in gigantesche, coloratissime minacce extradimensionate. Ma anche per quell’umorismo pacatamente scanzonato, rasente il demenziale e filo-romantico che ha nel monoespressivo battutaro Adam Sandler (tra l’altro per la nona volta insieme a Kevin James) uno dei suoi più efficaci rappresentanti. La storia è talmente scema che riesce quasi divertente nel proprio innocuo humour (bersagli grossi e facili: il militarismo macho e la grossolanità di un certo modo americano di vedere il mondo, a partire dalla Casa Bianca). Peraltro molto riusciti e spiritosi i minacciosi proclami alieni attraverso il doppiaggio di vip e inseriti d’epoca. Non sfuggirà infine ai cinefili la presenza di Peter Dinklage, il minuto eroe di Trono di Sangue, o quella di Dan Aykroyd come presentatore del campionato Arcade e agli sportivi quella di Serena Williams nei panni di se stessa nonché “trofeo” di Eddie Plant/Dinklage.

Massimo Lastrucci