SCEMO & + SCEMO 2

Dumb and Dumber To Usa, 2014 Regia Bobby e Peter Farrelly Interpreti Jim Carrey, Jeff Daniels, Kathleen Turner, Rob Riggle Sceneggiatura Sean Anders, John Morris Produzione Bobby e Peter Farrelly Distribuzione 01 Durata 1h e 49′ VAI AL SITO DEL FILM

In sala dal 

3 dicembre

20 anni dopo, la coppia di imbecilli torna in attività. Motivo: Harry ha bisogno di un rene nuovo e scopre altresì di essere senza saperlo da anni un genitore. Con il socio Lloyd appena uscito da una clinica si lancia alla ricerca prima della madre e poi della figlia. Il viaggio li porterà di nuovo lungo le strade americane, alla volta di un congresso che presenta le più recenti ed emozionanti scoperte ed invenzioni della scienza contemporanea. Disastri in vista dunque.

Nel 1994 il cinema demenziale toccò uno dei suoi vertici con “Scemo e più scemo” e i fratelli Farrelly (Bobby e Peter) si videro aprire le porte principali di Hollywood e loro ringraziarono con i memorabili “Tutti pazzi per Mary” e “Io, me & Irene”. Per due decenni hanno sdegnato di farne l’appetito – da produttori e distributori – sequel (e il prequel del 2003 fu infatti affidato ad altri, con esiti non proprio fausti). Ora, tutti bisognosi di un rilancio ritenuto facile (cioé soprattutto loro e Jim Carrey, perché Jeff Daniels è oggi sulla cresta dell’onda grazie al televisivo “Newsroom”) rieccoli in pista tra gag, scherzi e volgarità, citazioni e recuperi (il ragazzo cieco che amava i pappagalli, l’assurda automobile attrezzata a cagnone). Che dire? Se persino l’acqua cheta logora i ponti, figuriamoci un modello di humour praticamente tale e quale a quello di allora. Il contesto però è cambiato, loro sono oltre i ’50 e fare le smorfie da ultradementi spesso sprofonda del patetico. Ovviamente qualche momento rasenta ancora il puro genio patafisico, qualche tiro mancino autolesionista travolge per la sua stupida crudeltà, qualche gag fa ridere davvero, ma nel complesso lo schema è tutt’altro che vintage, è vecchio. E poi, osservazione personale, provoca spasmi di tristezza il vedere come il tempo si è accanito sull’ex “Brivido caldo” Kathleen Turner, che comunque dimostra di possedere l’autoironia che caratterizza le donne davvero molto intelligenti.

Massimo Lastrucci