Tre Uomini e Una Gamba: cinque curiosità sul film

In onda questa sera su Iris

Tre uomini e una gamba è un film del 1997 diretto da Aldo, Giovanni e Giacomo e Massimo Venier.

Interpretato dagli stessi Aldo Baglio, Giovanni Storti e Giacomo Poretti insieme a Marina Massironi e, tra gli altri, Carlo Croccolo, rappresenta l’esordio cinematografico del trio comico, precedentemente emerso a metà del decennio in televisione e in teatro. Ecco cinque curiosità sul film:

Il nome

Il titolo del film prende spunto dal romanzo umoristico inglese Tre uomini in barca (per non parlar del cane) scritto da Jerome K. Jerome nel 1889. La stessa sinossi dell’opera letteraria, che vede tre amici intenti a risalire il fiume Tamigi in barca, tra disavventure e situazioni comiche, fu da spunto per il soggetto cinematografico

Ciriaco Sforza

La maglia che porta Giacomo all’ospedale era di un calciatore dell’Inter, Ciriaco Sforza, che ha segnato 1 solo gol con la maglia nerazzurra durante l’unico campionato che ha disputato in Italia, nel 1996/1997.

Le riprese

Nonostante la prima parte del film sia ambientata a Milano, in realtà buona parte delle riprese furono girate in gran parte a Roma, nella zona dell’Eur; tra le poche sequenze filmate nel capoluogo lombardo c’è quella del passaggio dell’auto dei tre protagonisti sull’alzaia del Naviglio Grande.

L’incasso

Il film uscì il 27 dicembre 1997, dopo un inizio in sordina registrò incassi in costante crescita nelle prime settimane; su quest’onda, alle iniziali 40 copie subentrò una più corposa distribuzione su tutto il territorio italiano, facendo arrivare Tre uomini e una gamba a un introito totale di circa 40 miliardi di lire.

Gli omaggi

Sono molte le citazioni e i riferimenti ad altre pellicole nel film. La citazione più celebre e riconoscibile è quella a Marrakech Express, ma c’è anche Point Break (le maschere dei presidenti), la serie televisiva “I Jefferson” e “Il buono, il brutto e il cattivo”.

Nessun Articolo da visualizzare