“RADICI”: LA SERIE DEI RECORD CHE HA CAMBIATO LA TV

È stato un fenomeno mondiale senza precedenti. È stata la prima miniserie che ha conquistato milioni di spettatori con risultati d’ascolto sbalorditivi. Ha ottenuto 37 nomination agli Emmy Awards, vincendone nove. Stiamo parlando di Radici.

Se non conoscete lo show cult di ABC forse è perché siete molto giovani. Quando il protagonista, lo schiavo Kunta Kinte, lottava per la libertà era il 1977. Ma non disperate perché questo capolavoro televisivo arriva in edizione Blue Ray permettendo di colmare la vostra lacuna o di rivedere le otto puntate che hanno catalizzato l’attenzione del pubblico mondiale. La storia racconta la vicenda di una famiglia di schiavi negli Stati Uniti che parte nel 1750 e prosegue fino alla Guerra Civile, in una girandola di luoghi ed emozioni dagli stati più aridi dell’Africa fino ad arrivare al Tennessee, passando dalle vicissitudini dei negrieri al Ku Klux Klan, fino alla lotta per l’indipendenza.

Dal 15 giugno Radici sarà distribuita in Italia da Warner Bros per dare ancora una volta vita al celebre romanzo omonimo scritto dall’autore premio Pulitzer Alex Haley. Nell’adattamento per la tv furono coinvolti grandi registi come Marvin J. Chomsky, John Erman, David Greene e Gilbert Moses. Ma la fortuna della serie fu legata anche alle straordinarie interpretazioni degli attori del cast tra cui spiccano Olivia Cole, LeVar Burton, Ben Vereen, Louis Gossett Jr e Vic Morrow. Lo show, premiato anche con un Golden Globe come miglior miniserie drammatica, ha avuto così tanto successo da ispirare molti sequel e un remake, realizzato nel 2016 per History Channel. La versione home video, ricca di contenuti speciali esclusivi, è quindi un coronamento di un successo senza tempo che torna a catturare l’attenzione di vecchi e nuovi fan.

Nessun Articolo da visualizzare