Simpson, mai più doppiatori bianchi per personaggi di colore

I Simpson non avranno più attori bianchi in ruoli di altra etnia. Anche Mike Henry rinuncia a Cleveland ne I Griffin.

Dopo Big Mouth e Central Park, anche per I Simpson si cambia politica in materia di casting: gli attori bianchi non presteranno più le loro voci a personaggi di altre etnie. La serie di Matt Groening è stata al centro di varie polemiche per aver spesso scritturato attori bianchi in ruoli di colore, come Hank Azaria per le voci di Carl e Apu, o Harry Shearer per il Dr. Julius Hibbert (nel caso di Apu Azaria ha lasciato il personaggio lo scorso gennaio).

In epoca di “politically correctness”, recuperata dal movimento Black Lives Matter dopo l’omicidio di George Floyd, I Simpson spiegano la svolta in una dichiarazione ufficiale: «D’ora in poi non si avranno più attori bianchi che prestano la voce a personaggi non-bianchi. La serie dovrà quindi procedere al recasting di alcune voci».

Il precedente: I Griffin
Già prima Mike Henry, storica voce originale di Cleveland ne I Griffin, aveva deciso di rinunciare al suo ruolo: «È stato un onore interpretare Cleveland ne I Griffin per 20 anni. Amo questo personaggio, ma persone di colore dovrebbero interpretare personaggi di colore. Di conseguenza, rinuncerò al ruolo».

L’attore bianco presta inoltre la voce anche a Consuela, la domestica ispanica, ma anocra non si sa se è pronto a rinunciare anche a quel ruolo.