“STAR WARS – IL RISVEGLIO DELLA FORZA”: LA RECENSIONE!

Star Wars: Episode VII – The Force Awakens, Usa, 2015 Regia J.J. Abrams Interpreti Daisy Ridley, John Boyega, Harrison Ford, Oscar Isaac, Carrie Fisher, Mark Hamill, Adam Driver, Lupita Nyong’o Sceneggiatura Lawrence Kasdan, J.J. Abrams, Michael Arndt Produzione LucasFilm, Bad Robot, Truenorth Productions Distribuzione Disney Pictures Durata 2h e 15′

In sala dal 

16 dicembre

Rey (Daisy Ridley) è una mercante di rottami che vive sul pianeta Jakku, Finn (John Boyega) è uno stormtrooper pentito e passato dalla parte della Resistenza, Poe Dameron (Oscar Isaac) è il più valido pilota d’aerei di X-Wing ed è un fedelissimo della principessa Leia (Carrie Fisher). Insieme dovranno fronteggiare il Primo Ordine, nato sulle ceneri dell’Impero, a cui fa capo il terribile Leader Supremo Snoke e di cui Kylo Ren (Adam Driver) è l’adepto più malvagio, ispirato dal mito di Darth Vader.

PASSATO. Può darsi che la prima critica che verrà fatta dai fan duri e puri sia relativa al fatto che J.J Abrams non abbia voluto osare: a tratti, Il risveglio della Forza può apparire un remake di Una nuova speranza, a cominciare dalle prime sequenze. E se l’andamento narrativo ricalca indubbiamente il leggendario film del 1977, bisogna riconoscere che Abrams adotta un linguaggio ironico ma affettuoso nei confronti del Mito: la presenza di Harrison Ford e di Carrie Fisher non è una ruffianeria per rasserenare i più scettici ma una scelta di legarsi alla prima trilogia per riattivarla, senza limitarsi al puro omaggio fine a se stesso. I momenti più divertenti e quelli più commoventi sono affidati proprio agli sguardi e alle battute tra Han Solo e la principessa Leia; nello stesso modo, le evidenti citazioni di alcune sequenze cult dei primi film appaiono assolutamente funzionali all’evoluzione della storia. E Luke Skywalker? Quello di Mark Hamill è il personaggio che rappresenta al meglio l’approccio di J.J. Abrams, ponendo la sua figura al centro, nonostante la sua assenza: in questo modo, il regista non tradisce la centralità dei personaggi originali, ma può costruirci attorno un nuovo universo di “sua” creazione.

PRESENTE. Bastano davvero poche scene e Daisy Ridley ha già conquistato i nostri cuori: Rey è una vera e propria eroina proletaria, che non tradisce mai la sua etica ed è disposta a tutto pur di dare il suo apporto alla Resistenza. Spesso accusata di essere una saga maschilista, Star Wars introduce una vera combattente moderna all’interno della lotta tra Bene e Male: dimenticate i tormenti sentimentali di Padmé Amidala. Perfetto anche John Boyega nei panni dello stormtrooper che abbandona il Lato Oscuro: Finn è un personaggio che potrebbe far pensare ai militari americani in preda a crisi di coscienza. Ci si poteva aspettare un’attenzione maggiore nei confronti di Oscar Isaac e del suo Poe Dameron: la sensazione è che acquisti maggiore spessore negli episodi futuri. Memorabile il droide BB-8, perfettamente in equilibrio tra comicità e tenerezza; non così incisiva, invece, l’attesa Maz Kanata di Lupita Nyong’o (tramite performance capture). Malefico e insensibile, il Kylo Ren di Adam Driver è destinato a essere uno dei cattivi più indimenticabili: la sua attrazione verso la malvagità non è giustificata da alcunché, è puro e semplice desiderio di distruzione e di Morte. Cupo e inquietante il Generale Hux (Domhnall Gleeson), mentre lo Snoke di Andy Serkis sembra provenire troppo dall’estetica de Il Signore degli Anelli.

FUTURO. Il risveglio della Forza è uno spettacolo per gli occhi, che merita di essere gustato soprattutto nella sua tridimensionalità. J.J. Abrams è un direttore d’orchestra furbo e abile, un narratore scaltro ed essenziale, in grado di bilanciare ironia pop e adrenalina: il tono shakespeariano della (comunque sottovalutata) seconda trilogia sembra lontanissimo. Siamo certi che i prossimi lavori proseguiranno per questa strada: tanta azione e poco sentimentalismo. Ma allora quale sarebbe il grande filo conduttore che lega questi sette episodi? Si chiama John Williams e la sua musica emoziona ieri, oggi e domani.

Emiliano Dal Toso

GUARDA IL TRAILER DI STAR WARS – IL RISVEGLIO DELLA FORZA !

Leggi anche:

STAR WARS – IL RISVEGLIO DELLA FORZA: I “7 MAGNIFICI” OBIETTIVI ECONOMICI DEL FILM

STAR WARS – IL RISVEGLIO DELLA FORZA: LE FOTO DELLA PREMIÈRE MONDIALE