SWEET HOME ALABAMA: “MUSCLE SHOALS – DOVE NASCONO LE LEGGENDE”

Tra le paludi dell’Alabama c’è un posto magico dove, dal 1969, nasce un sound unico e leggendario, ovvero il Muscle Shoals Sound. E il regista Greg ”Freddy” Camalier, nel suo documentario (arrivato in DVD grazie a CG Entertainment) racconta come e dove sono nati alcuni dei brani più famosi di tutti i tempi…

Dove nascono le leggendeCi sono documentari e documentari: quelli che, scolasticamente e asetticamente, illustrano un determinato argomento senza coinvolgere più di tanto lo spettatore e, poi, ci sono quelli che invece la storia raccontata la colorano, la profumano di sensazioni. Queste opere, a metà tra cinema e documentario, fanno calare nell’atmosfera del periodo storico che illuminano, azzerando così i confini tra reportage, finzione e fruitore. E, senza dubbio, Muscle Shoals – Dove nascono le Leggende, diretto da Greg ”Freddy” Camalier (alla sua prima regia), appartiene a questa seconda categoria. Sarà il tema, che narra di un famoso e magico studio di registrazione, sarà per la musica o per gli ospiti di spicco intervistati, eppure l’opera di Camalier è un esempio di cosa un documentario dovrebbe possedere e di come dovrebbe essere girato.

Dove nascono le leggendeIl lungometraggio, arrivato in Home video ed edito dalla CG Entertainment, ci porta lungo il fiume Tennessee, negli Stati Uniti del sud, dove le Stelle & Strisce sono (ancora) un simbolo, dove si respira l’odore del buon whiskey e dove i Nativi Americani intonavano le nenie a queste splendenti acque. Ma, soprattutto, è un viaggio nella (grande) musica americana, coniata e incisa sulla sponda (benedetta) di quel fiume, in uno studio di registrazione che, dal 1969, ha visto nascere alcuni dei brani rock e soul più famosi di tutti i tempi. Infatti, sul finire dei tribolati anni ’60, il produttore Rick Hall fondò, in Alabama, nella minuscola Muscle Shoals, nei suoi Fame Studios, il gruppo dei Muscle Shoals Rhythm Section (conosciuti anche come The Swampers). Successivamente, lo studio divenne il Muscle Shoals Sound Studio dove, alcuni dei nomi immortali della musica, incisero (e continuano a incidere) dischi divenuti iconici, così da dar vita ad un sound tipico del posto, inimitabile e, appunto, magico. Il Muscle Shoals Sound.

Dove nascono le leggendeVedendo Muscle Shoals – Dove nascono le Leggende si nota subito quanto Camalier si affascinato e attratto sì dalla musica, ma soprattutto quanto sia ammaliato dall’aurea quasi mistica che avvolge quegli studi e le sonorità che, anno dopo anno, sono state incise prima sui vinili, poi sulle musicassette, sui CD e ora… in quella strana dimensione chiamata internet. Rick Hall, in questo caso, è il filo conduttore del docufilm, è lui che racconta di come sono nati i Fame Studios, i The Swampers – che qualcuno ricorderà, citati, nel famigerato brano Sweet Home Alabama dei Lynrd Skynyrd, gruppo simbolo, ma sfortunato, legato al Muscle Shoals Sound – e i Muscle Shoals Studio. Le sue parole, dosate, sentite e orgogliose, sono alternate a quelle dei grandissimi testimoni che hanno messo piede sulla sponda giusta del fiume Tennessee. Etta James, Alicia Keys, Bono Vox, Aretha Franklin, Mick Jagger, Keith Richards, Jimmy Cliff, Percy Sladge, Wilson Pickett e Duane Allman, chitarrista statunitense scomparso troppo preso e troppo beffardamente. E loro, insieme, tra un riff di chitarra e un affondo blues, vanno a comporre una fotografia di gruppo perfetta, in cui tutti sono legati da una luce speciale, in un luogo speciale, sperduto nelle paludi di una America fatta di Chevrolet arrugginite, di energia (ultra) terrena e di musica prodigiosa.

Damiano Panattoni