The Flash 3: Il produttore esecutivo parla dei danni di Flashpoint

Flashpoint è durato un solo episodio ma sembra proprio che le conseguenze delle azioni di Barry Allen (Grant Gustin) siano destinate a durare a lungo.

Per tre mesi Barry ha vissuto in un mondo in cui i suoi genitori erano entrambi vivi e non si era mai trasferito a casa West e, dunque, non conosceva Iris, né Joe. Rischiando di perdere i suoi ricordi e aiutato da Reverse Flash, ha rimesso le cose a posto… o quasi.

Nella nuova realtà, Joe e Iris non hanno alcun rapporto per una ragione non specificata e sembra che questo non sia l’unico cambiamento. Il produttore esecutivo Todd Helbing ha risposto ad alcune domande sulle conseguenze di Flashpoint durante la terza stagione di The Flash. 

Sembra che Iris e Joe non parlino a causa di qualcosa successo nella seconda stagione della serie, ma che Helbing non ha voluto rivelare.

Ha voluto, piuttosto, informare i fan che le conseguenze di Flashpoint influiranno su diverse persone.

Quando Barry è tornato credeva di aver resettato la timeline nel modo esatto in cui era, come avete potuto vedere dal primo episodio, ma c’è una sottile differenza. Sta iniziando a vedere le conseguenze di Flashpoint su molte persone“.

Se ci pensiamo, infatti, Flashpoint non è stato annullato in modo corretto: per quanto possa sembrare irrilevante, Nora Allen ha vissuto comunque più del previsto, Flash ha comunque impedito al primo Reverse-Flash di ucciderla ed è stato il “secondo” Anti-Flash a completare il lavoro. Per quanto si tratti di minime differenze, qualcosa dev’essere necessariamente cambiato.

Anche ai laboratori S.T.A.R. qualcosa è cambiato: “Sono gli stessi di prima, ma ci sono piccole cose che si ripercuotono sul nostro team“, ha detto Helbing.

“[Flashpoint] Ha toccato tutti in un modo o nell’altro. Non voglio anticipare troppo per non rovinare l’episodio al pubblico, ma vedrete quanto che cosa in ogni personaggio è cambiato“.

Il produttore, inoltre, si è soffermato anche sul nuovo cattivo di questa stagione, Doctor Alchemy: “È uno dei cattivi e non è un velocista, quindi ciò lo rende differente dagli altri. Ha questo oggetto, chiamato Pietra Filosofale e ciò che è in grado di fare è dare alle persone i poteri che avevano in Flashpoint. Vedrete come inciderà in particolare su Barry ma su tutto il team e come il tutto si svolgerà durante il resto della stagione”. Questa notizia ci porta alla conclusione, confermata da Helbing, che Doctor Alchemy sia a conoscenza di Flashpoint. Non sappiamo ancora perché Alchemy voglia “restituire” i poteri alle persone, ma il produttore ha promesso che lo scopriremo presto.

Un altro punto fondamentale della stagione è l’arrivo di Tom Felton, che interpreterà l’agente della scientifica Julian Dorn.

Abbiamo sempre visto Barry con grande libertà nel suo ufficio e abbiamo pensato, ‘Perché non dargli un rivale?’. Il personaggio di Tom sarà un grande ostacolo di Barry, in particolare nell’ottenere informazioni nel modo in cui il velocista è solito fare. È un’altra conseguenza di Flashpoint: c’è questo ragazzo nel suo ufficio e si tratta del capo della divisione scientifica, che blocca la sua capacità di prendere le informazioni necessarie per fermare i metaumani”.

I due, secondo quanto detto, saranno davvero ai ferri corti. A Julian non piace Barry ed è convinto che quest’ultimo abbia qualcosa di strano. Barry ha la tendenza a sparire quando veste i panni di Flash, ma Julian non ne è all’oscuro. Sa che Barry sparisce o che arrivano diverse persone in laboratorio e non è d’accordo. Non è il modo giusto di lavorare alla scientifica“.

Helbing, inoltre, ha dato qualche piccola notizia anche su Jesse Quick e sul crossover con le altre serie DC.

I suoi poteri si sono appena manifestati.”, ha detto il produttore parlando di Jesse. “Non sa che cos’è essere una velocista e non ha nessuno ad insegnarle come fare, quindi cercherà di imparare da Barry. Non voglio fare troppi spoiler, ma ci sarà qualche collaborazione davvero bella da vedere“.

Riguardo al crossover, invece, Helbing ha confermato che si tratterà di un episodio in tre atti. Pare che sarà Barry a venire a conoscenza dei Dominators e per questo dovrà reclutare altra gente.

Dirò solo che ci sono degli effetti spettacolari e dei set unici che non abbiamo mai usato. Dirò anche che i crossover degli scorsi anni servivano per mettere su degli spin-off: questa volta, invece, serviranno a fare un’unica storia, una sorta di epico film televisivo”.

Leggi anche:

• Legends of Tomorrow: Il trailer con le immagini del crossover

• Arrow 5: Rivelate le ultime parole di Laurel

• The Flash 3: Due promo del secondo episodio, “Paradox”