Trieste Science+Fiction Festival, tutti i premi: la fantascienza non è morta!

Il Trieste Science+Fiction Festival ha chiuso i battenti in una giornata speciale, insieme al Premio Oscar Phil Tippett, mago degli effetti speciali di Jurassic Park e Guerre Stellari, che ha ricevuto il Premio Asteroide alla carriera. E dopo cinque giorni di proiezioni, incontri e anteprime, anche i premi ai film testimoniano senza ombra di dubbio un dato: la fantascienza non è morta, e anzi continua a raccontarci il presente indicandoci le strade possibili del futuro.

Trieste Science+Fiction, tutti i premi

Premio Asteroide al miglior film

Il Premio Asteroide al miglior film di fantascienza, horror e fantasy di registi emergenti è andato allo svedese Aniara di Pella Kågerman e Hugo Lilja, immerso in un futuro forse non troppo lontano. Aniara è una delle astronavi usate per trasportare la popolazione terrestre in fuga verso Marte ma, mentre sta lasciando una Terra desolata si scontra con dei detriti spaziali e finisce fuori rotta. I passeggeri realizzano lentamente che non riusciranno più a tornare indietro.

La giuria composta da Brian Yuzna, produttore e regista, da Evrim Ersoy, giornalista e direttore creativo del Fantastic Fest di Austin in Texas, e dal documentarista Alexandre O. Philippe ha motivato così: «Aniara è un vero film science+fiction con un forte messaggio ambientalista ed esistenzialista».

Premio Méliès d’argent – Lungometraggi

Il premio al miglior lungometraggio di genere fantastico di produzione europea va invece alla commedia Extra Ordinary di Mike Ahern ed Enda Loughman (Irlanda, Belgio, 2019) sulla storia di Rose, un’istruttrice di guida nell’Irlanda rurale, che deve usare i suoi poteri soprannaturali per salvare una ragazzina da una rock star in declino che fa un patto col demonio per rilanciarsi.

Una Menzione speciale va a Marta Król, attrice protagonista di I am REN di Piotr Ryczko «per l’incredibile talento mostrato nel riuscire a creare empatia con il pubblico sin dall’inizio del film e consegnarci con una forza straordinaria il messaggio dell’opera».

Gli altri premi

Premio Méliès d’argent al miglior cortometraggio di genere fantastico di produzione europea, assegnato dai voti del pubblico in sala, va a This Time Away di Magali Barbé.

Premio Wonderland Rai4 al miglior film della sezione Neon: After Midnight di Jeremy Gardner, Christian Stella.

Stars’ War – Premio della Critica Web: Extra Ordinary di Mike Ahern e Enda Loughman.

Premio Nocturno Nuove Visioni: Extra Ordinary di Mike Ahern e Enda Loughman

Premio CineLab Spazio Corto: N di Iacopo Di Girolamo

Premio del pubblico: Extra Ordinary di Mike Ahern e Enda Loughman

Sfoglia la gallery