“CHIAMATEMI FRANCESCO” SI PIAZZA SUBITO IN TESTA AL BOX OFFICE

C’era attesa e curiosità per l’esito del film su Papa Bergoglio e l’esordio è stato incoraggiante. Chiamatemi Francesco ha fatto registrare ieri, con le 493 copie distribuite nelle sale monitorate da Cinetel, il maggior numero di spettatori e il maggior incasso. Il film di Daniele Luchetti è stato visto da 20 mila spettatori ed ha totalizzato 115 mila euro. Bene, anzi meglio relativamente al numero di copie in distribuzione, 407, ha fatto Heart of the sea- Le origini di Moby Dick, visto da 18 spettatori per un incasso di 114 mila euro. La conferma che i film di avventure marinaresche suscitano in Italia un costante interesse. Nella giornata di ieri alle spalle delle due novità si piazzano Hunger Games e Il viaggio di Arlo che rastrellano entrambi circa 58 mila euro. Il primo film, con 258 schermi occupati, alla terza settimana di programmazione, ha superato complessivamente i 7 milioni di euro; il secondo, con 362 copie alla seconda settimana di tenitura, è a quota 2,4 milioni. Sempre nel box office di ieri quinto posto per la novità Regression con 49 mila euro incassati per 205 copie in programmazione. Modesto, invece, l’esito delle due novità francesi: Moi roi, premiato al festival di Cannes, incassa 10 mila euro con 80 copie; stessa cifra per 11 donne a Parigi, grande successo in patria, uscito da noi con 108 copie. Anche in questo caso tradizione confermata: salvo rare eccezioni, difficilmente le commedie transalpine riescono a sfondare nel nostro Paese. Quanto ai film italiani sembrano aver già esaurito il proprio potenziale sia La felicità è un sistema complesso, che in otto giorni ha totalizzato 365 mila euro; sia Loro chi?, che, in tre settimane ha incassato 1,3 milioni di euro.

Franco Montini

Nessun Articolo da visualizzare