“INTERSTELLAR” IN HOME VIDEO: 5 MOTIVI PER (RI)VEDERLO ANCHE A CASA

Interstellar è arrivato in home-video: ecco i nostri 5 motivi per vedere anche a casa l’epica avventura tra spazio-tempo e buchi neri diretta da Christopher Nolan

Apparenza o capolavoro? Rivoluzionario o solamente – e matematicamente – incomprensibile? Interstellar, l’ultimo, enorme film del visionario Christopher Nolan ha diviso il pubblico e la critica, ma senza dubbio ha rappresentato una tappa importante per il cinema sci-fi, riuscendo in quasi tre ore di pellicola a costruire un immaginario che intreccia filosofia, apocalisse, speranza e Astrofisica. Vincitore di un Oscar, quello per gli effetti speciali, Interstellar è anche un’opera in cui scienza, fisica e cinematografia viaggiano di pari passo, in quanto il film è un continuo rimando a wormhole, buchi neri, Anni-Luce, viaggi nel tempo e universi paralleli. Infatti, in occasione della presentazione dell’home-video del film, edito da Warner Bros., sono intervenuti, presso la Facoltà di Scienza dell’Università Tor Vergata di Roma, Amedeo Balbi, docente di Astrofisica, Lorenzo G. Bellù, Global Perspectives della FAO e Enrico Flamini, Chief scientist dell’ASI. Mettendo in comparazione proprio la finzione di Interstellar con la realtà della scienza, è emerso come sia attuale e attinente il messaggio del film, con i possibili (ma lontanissimi) viaggi interstellari e un mondo minacciato dalla scarsità delle risorse primarie. Se volete cogliere l’occasione di reimmergervi nell’avventura galattica di Interstellar, ecco i nostri 5 motivi per (ri)vedere lo sci-fi targato Christopher Nolan!

blu-ray-interstellar1 – La curatissima edizione Blu-ray (con oltre tre ore di contenuti speciali)

Il Blu-ray di Interstellar è un piacere per gli occhi e per le orecchie. La compressione dell’immagine è straordinaria, con i dettagli cristallini e gli effetti speciali che si esaltano nell’alta definizione. L’audio, invece, è un mix di tonalità che riempiono e avvolgono, con la colonna sonora di Hans Zimmer valore aggiunto. Tra i tantissimi extra, contenuti nel secondo disco Blu-ray, c’è La Scienza di Interstellar (dove c’è un raffronto tra fiction e reale), uno sguardo alle miniature utilizzate per girare il film e un’analisi del set in Irlanda, che ha ricreato i pianeti Miller e Mann.

2 – Matthew McConaughey

Perché se c’è uno motivo per rivedere Interstellar quello è sicuramente il premio Oscar Matthew McConaughey. Svestiti gli impolverati panni di Rusth Cole della serie-cult True Detective, l’attore americano da prova del suo talento interpretativo in un ruolo tutt’altro che facile, dando anima e tangibilità ad un uomo coraggioso intento a salvare la sua famiglia e il mondo intero.

interstellar+trailer3 – L’amore

È uno dei film più ”umani” di Christoper Nolan. Sì perché, a discapito di quello che si può pensare, nascosto dalla facciata dell’Astrofisica e degli effetti visivi da mega produzione hollywoodiana, Interstellar è principalmente un film sull’amore e sull’empatia, forze fondamentali che spingono alla ricerca e alla speranza di un domani migliore da regalare alle persone che si hanno a cuore.

4 – Il robot TARS

TARS, che accompagna Matthew McConaughey nel tempo infinito dei buchi neri, è entrato di diritto nell’olimpo dei migliori robot cinematografici. Protagonista di una delle scene più emozionanti del film, TARS è una specie di Virgilio dalla battuta pronta e un fedele, indispensabile alleato.

INTERSTELLAR5 – Il viaggio nei buchi neri (e tutto il fascino dell’Astrofisica)

Che siate studenti o esperti di Astrofisica, oppure semplicemente degli appassionati della materia celeste che cercano di dare una spiegazione al Ponte di Einstein-Rosen, Interstellar è il film che fa per voi. Non tutto è corretto, sia chiaro, ma moltissimi spunti della pellicola si basano sulle teorie di Kip Thorne, eminente fisico del California Institute of Technology, che ha dato diversi consigli e indicazioni ad Christopher Nolan per la realizzazione dell’opera. Il resto, ovviamente, è purissima immaginazione, spettacolare e spudoratamente cinematografica.

Damiano Panattoni

Guarda la gallery!

 

 

Nessun Articolo da visualizzare