“Metti una notte”, la commedia irresistibile dove Amanda Lear diventa nonna

Tra i film italiani più interessanti visti nella sezione Alice nella Città della Festa di Roma: Metti una notte, opera prima di Cosimo Messeri. È una commedia bislacca e d’altri tempi (non a caso c’è anche una sorpresa-ode al newromanticismo). Messeri oscilla tra il fumetto stralunato (a tratti pazienziano) e un sapore da cinema americano “tutto in una notte”, mostrando anche una capacità originale e notevole per la battuta fulminante (la scena della busta consegnata ai camorristi è irresistibile).

Racconta la storia di Martino (interpretato dallo stesso autore), giovane entomologo svizzero venuto a Roma per trovare lo zio. Come favore a quest’ultimo, accetta di fare da babysitter a una bambina e all’esuberantissima nonna Lulù (strepitosa Amanda Lear). Martino però vuole anche aiutare Tea, suo amore d’infanzia, che deve del denaro ad alcuni loschi figuri. Si ritroverà dunque a vagare per locali notturni e bettole di criminali, sempre accompagnato dalla bambina e da Lulù, in una girandola di situazioni tra l’onirico e il paradosso.

Cosimo Messeri, di cui compare anche il padre Marco nei panni del buffo mago Stellini, possiede un umorismo bizzarro, spesso efficace. Mette a fuoco un candore che sembra in via d’estinzione. Attori e attrici tutti in parte, compresa la bella Cristiana Capotondi nei panni della vera babysitter di Linda, che dovrà assentarsi dalla partita di pallavolo per aiutare questa ghenga malassortita.

Luca Barnabé

Nessun Articolo da visualizzare