NASTRI D’ARGENTO AI DOCUMENTARI: PREMIATI COSTANZA QUATRIGLIO E GIORGIO TREVES

Anche il reale raccontato attraverso il cinema merita i suoi Nastri d’Argento: i premi assegnati dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici ai migliori documentari del 2014 sono andati oggi a Costanza Quatriglio per Triangle, e Giorgio Treves, autore del film dedicato a Gian Luigi Rondi Vita cinema passione. Sempre nella sezione “cinema del reale”, questa sera alla Casa del Cinema di Roma sono stati consegnati anche tre Nastri dell’anno, già annunciati, a Gianni Amelio e il suo documentario Felice chi è diverso, Gabriele Salvatores col particolarissimo esperimento di “documentario collettivo” Italy in a Day e Walter Veltroni per Quando c’era Berlinguer.

Premi speciali dai giornalisti cinematografici anche ai film di Jacopo Quadri La scuola d’estate, La zuppa del demonio di Davide Ferrario, Giulio Andreotti Il cinema visto da vicino di Tatti Sanguineti e Nessuno siamo perfetti di Giancarlo Soldi. Nastro d’Argento speciale, infine, a Marco Spagnoli autore, solo nel 2014, dei documentari Sophia Loren, Walt Disney in Italia e Ne ho fatte di tutti i colori sul grande press agent Enrico Lucherini.

Menzione collettiva per il progetto dell’Istituto Luce 9×10 Novanta e segnalazione per la migliore protagonista di documentario, Jana, 46 anni e 11 da prostituta, al centro del film Qualcosa di noi di Wilma Labate.

Nessun Articolo da visualizzare