SOLE LUNA DOC FILM FESTIVAL : UN PONTE TRA LE CULTURE NEL MONDO

Sole Luna Doc Film FestivalAppuntamento dal 20 al 26 giugno ai Cantieri culturali alla Zisa di Palermo per l’undicesima edizione del Sole Luna Doc Film Festival. La kermesse, ideata da Lucia Gotti Venturato, presidente dell’associazione culturale Sole Luna – Un ponte tra le culture, con la direzione scientifica di Gabriella D’Agostino, ha l’obiettivo di condividere la ricchezza umana attraverso visioni e parole: 34 sono i documentari in concorso provenienti da tutto il mondo, suddivisi nelle sezioni Human Rights e Il viaggio. La prima comprende opere che alzano il velo su luoghi e storie dove i diritti umani, sanciti universalmente, non sono rispettati. La seconda raccoglie tutte le più intense storie umane di popoli, persone e paesaggi.
Tra le opere in concorso anche l’atteso documentario Irrawaddy Mon Amour, firmato da Valeria Testagrossa, Nicola Grignani, Andrea Zambelli, racconto di una delle prime unioni gay in Birmania e della coraggiosa scelta dei protagonisti di affermare il loro diritto di amare.

 Giancarlo Bocchi - Il ponte di SarajevoIl programma di visioni del Sole Luna Doc Film Festival include anche una sezione di film fuori concorso, tutta dedicata alla pluriennale e ricchissima opera di narrazione e documentazione compiuta dal regista, scrittore e giornalista Giancarlo Bocchi
attorno a Sarajevo e al suo assedio, nel ventennale della liberazione dell’ultimo quartiere della città serba, in attuazione del trattato di Dayton. Ma il Sole Luna Festival non crea ponti solo coi documentari. A favorire l’incontro e il dialogo vi è anche la parola, protagonista della tavola rotonda “Diritto e cinema. Hate Speech, libertà di espressione e Media”. Numerose personalità della vita istituzionale del nostro Paese, insieme ad accademici, artisti e pensatori del nostro tempo, dibatteranno sul ruolo che il cinema assume in merito alla tematica dei diritti umani violati. La parola è il fulcro di un’altra importante attività inserita nel programma della undicesima edizione del festival. Si tratta del progetto “Esopo a modo nostro”, spettacolo teatrale a cui partecipano alcuni detenuti del carcere dell’Ucciardone, insieme a studenti della città e dedicato ai Classici.

Per maggiori informazioni e per sfogliare il programma completo andate al sito ufficiale del Sole Luna Doc Film Festival