TARANTINO SI RITIRERÀ DOPO IL DECIMO FILM? FORSE NO

Quentin ha cambiato idea? Qualche tempo fa Tarantino aveva annunciato di essere pronto ad abbandonare la sua carriera da regista dopo il decimo film.

Durante il Festival di Gerusalemme il cinefilo più famoso del mondo ha però parzialmente ritrattato la sua dichiarazione. «Ho in programma di fermarmi a 10 [film], ma a 75 potrei decidere di avere un’altra storia da fare», ha spiegato Quentin lasciando quindi una speranza ai fan che temono di restare orfani del loro idolo. Certo per il cinema sarebbe una grave perdita, chi potrebbe dare vita a film memorabili quanto Pulp Fiction e Le iene? In pochi hanno una cura maniacale per il proprio lavoro al pari di Tarantino che sul set pare abbia un’unica regola: ogni attore deve imparare alla perfezione le sue battute.

«È necessario conoscere i dialoghi altrimenti posso licenziare chiunque e ricominciare daccapo perché per me è una mancanza di rispetto», ha svelato Quentin, «Mi piacciono gli attori ma amo i miei personaggi». In particolare, quello preferito dal regista è il Colonnello Hans Landa, interpretato da Christof Waltz in Bastardi Senza Gloria. «È il migliore che abbia mai scritto e forse il migliore che mai scriverò», ha specificato Tarantino che inoltre ha svelato un inedito retroscena sulla lavorazione del film: «Ero preoccupato se non avessi trovato il Landa perfetto, avrei rinunciato a tutto. Mi diedi solo una settimana di tempo in più e fu allora che Christoph si presentò all’audizione e per me fu ovvio che lui era la persona che stavo cercando». E se fosse proprio un sodalizio con Waltz ad evitare che il regista cambì idea sul suo definitivo ritiro?

Nessun Articolo da visualizzare