Brendan Fraser boicotterà i Golden Globe 2023: «Mia madre non ha cresciuto un ipocrita»

In caso di nomination, l'attore non presenzierà alla cerimonia del 10 gennaio a causa di motivi personali con l'HFPA

0

Qualora ricevesse una nomination ai prossimi Golden Globes per la sua interpretazione in The Whale, Brendan Fraser non parteciperà alla cerimonia. Una presa di posizione netta, che chi conosce il passato dell’attore non faticherà a comprendere.

L’argomento è emerso nel corso di un’intervista con GQ, la rivista lo ha recentemente omaggiato come “ritorno dell’anno”: «Ho più di una storia personale con la Hollywood Foreign Press Association e nessun rispetto per loro. No, non parteciperò. È a causa del mio passato. E mia madre non ha cresciuto un ipocrita. Puoi chiamarmi in un sacco di modi diversi, ma non quello».

LEGGI ANCHE: The Whale, il trailer del film con Brendan Fraser e Sadie Sink

Il motivo preciso del boicottaggio risiede, ovviamente, dietro l’episodio che Fraser afferma esser accaduto con l’ex presidente dell’associazione, Philip Berk, accusato di averlo aggredito sessualmente nell’estate del 2003, durante un pranzo al Beverly Hills Hotel. Berk ha sempre negato l’accaduto, mentre Fraser ha più volte condiviso la sua pessima esperienza con lui, raccontando di essere stato inserito nella lista nera di Hollywood in parte a causa delle conseguenze di questo incidente.