Carlo Verdone ricorda una scena di Borotalco: “Le battute del prete di Vittorio Zarfati, il prete, furono improvvisate al momento”

Carlo Verdone ha postato sui social un curioso aneddoto del film

Carlo Verdone sui social ha ricordato Borotalco, che lo vedeva sia come attore che come regista. Uscito nel 1982 il film vede la partecipazione anche di suo cognato Christian De Sica. Proprio una scena iconica tra i due è stata approfondita dallo stesso Verdone in un post su Facebook raccontando un aneddoto interessante.

1982. Borotalco. Io e Christian proviamo la scena che prelude al balletto, ce la inventammo al momento. E anche le battute del prete, Vittorio Zarfati ( anche portiere di hotel in Bianco Rosso e Verdone), furono improvvisate al momento. Certi caratteristi erano notevoli. E molte scene si ricordano in modo speciale grazie al loro apporto. Noi abbiamo avuto caratteristi giganteschi! Che avevano il talento dell’assoluta naturalezza. Buona serata a voi tutti. Carlo Verdone

L’attore in questione era proprio Vittorio Zarfati, il prete che interrompe il balletto tra i due, che fu scoperto come attore caratterista solo in vecchiaia. Riuscì comunque a girare una ventina di film nel periodo fra gli anni ’70 e ’90, spesso diretto da molti dei registi più famosi di quel periodo: Dino Risi, Mario Monicelli, Federico Fellini, Alberto Sordi e Carlo Verdone. Ne I nuovi mostri interpretò il produttore di filmini porno e in E la nave va di Federico Fellini il maestro Rubetti.

 

Nessun Articolo da visualizzare