Rami Malek vuol diventare super eroe (Marvel), ”a una condizione”

In No Time to Die l'attore interprete lo spietato antagonista Lyutsifer Safin

Negli ultimi 15 anni la popolarità dei ha subito una crescita esponenziale, in quanto hanno la capacità di coinvolgere un’audience che spazia dai più giovani, già appassionati dei fumetti, fino agli adulti. Sono lontani i tempi in cui i film Marvel venivano considerati di Serie B dagli attori di Hollywood. L’ultima prova arriva da una dichiarazione rilasciata poche ore fa dal premio Oscar Rami Malek. 

L’attore statunitense, che ha vinto la statuetta per l’interpretazione di Freddie Mercury in Bohemian Rhapsody, è in queste settimane sugli schermi di tutto il mondo nell’ultimo capitolo di James Bond, No Time to Die, in cui è lo spietato antagonista Lyutsifer Safin. In una intervista ha svelato di essere un grande estimatore dell’Marvel Cinematic Universe e del genio di Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios. E ha affermato di voler prendere potenzialmente parte a questo mondo,  nel caso in cui si trattasse di un ruolo mai approdato prima sullo schermo. Citando le sue esatte parole: “Ci sono molti personaggi che penso meritino un film a sé stante, e se ne trovassi uno, sarei certamente interessato”. 

Date le premesse dunque, non ci sarebbe da sorprendersi se nel prossimo futuro dovessimo imbatterci in un trailer con Rami Malek nei panni di un nuovo supereroe o super cattivo. 

Nessun Articolo da visualizzare