La furia di un uomo, recensione del film di Guy Ritchie con Jason Statham

0
la furia di un uomo wrath of man

La furia di un uomo, un titolo che rende ancora meglio in inglese, Wrath of Man. In questo caso Jason Statham, che si presenta presso un’agenzia di portavalori per farsi assumere come autista e guardia giurata. Un lavoro pericoloso, ma non per lui, che sembra anche sin troppo qualificato. Scopriremo perché.

Questa, in breve e senza spoiler, la trama di La furia di un uomo, noir metropolitano ricco di azione che raccoglie la lezione del cinema di genere americano degli anni Settanta, per scrittura e messa in scena, nonostante si tratti del remake di un polar francese di ottima fattura, Les Convoyeur, di Nicolas Boukhrief, con Albert Dupontel e Jean Dujardin.

LEGGI ANCHE: Wrath of Man, Red Band Trailer per Guy Ritchie e Jason Statham

Dietro la macchina da presa in questo caso c’è Guy Ritchie, che si è preso in carico anche la sceneggiatura e ha tirato fuori un film sorprendente, soprattutto se associato al suo nome. Il regista di Snatch abbandona per una volta lo stile ipercinetico che da sempre caratterizza il suo cinema e ne trae notevole giovamento.

La furia di un uomo è un film asciutto nello stile e intenso nel racconto

Attraversato da un costante dolore che si accompagna alla sete di vendetta del protagonista, interpretato da un Jason Statham a cui Ritchie cuce addosso un personaggio che ha già recitato decine di volte e a cui l’attore toglie tutto il superfluo.

Livido e spietato, La furia di un uomo ha un impianto squisitamente classico. Ritchie, che sembra avere studiato a fondo Strade violente di Michael Mann e Vivere e morire a Los Angeles di William Friedkin, si concede alcune interessanti licenze nella struttura temporale che si integrano perfettamente con il flusso narrativo.

la furia di un uomo wrath of man furgone portavalori

Lo fa senza mai strafare, difetto che più volte ha caratterizzato il suo cinema. Questa volta trova la misura e mantiene un perfetto equilibrio tra il revenge e l’heist movie, dando a entrambe le linee una pienezza e una complessità che quando si scontrano deflagrano nel modo più efficace.

Attorno a Jason Statham, un cast di ottimi caratteristi

A partire da Holt McCallany (Mindhunter, La fiera delle illusioni), proseguendo con Eddie Marsan, un altro dei suoi favoriti, Josh Hartnett, Jeffrey Donovan, Andy Garcia e un sorprendente Scott Eastwood.

La furia di un uomo ha la classe e la dignità di un ottimo b-movie che negli anni potrebbe diventare un piccolo cult.

RASSEGNA PANORAMICA
VOTO: