Domenica 1 Settembre 2020

Tilda Swinton, la Musa

Compie sessant'anni una donna e un'attrice straordinaria, per cui il concetto di tempo è decisamente molto relativo.

Tilda Swinton compie sessant’anni, 5 novembre, stesso giorno in cui gli inglesi celebrano Guy Fawkes e la congiura delle polveri. Del resto, anche la signora Swinton è una rivoluzionaria.

Era facile intuirlo già dalla sua prima apparizione nel Caravaggio di Derek Jarman. Era il 1986 e il grande artista britannico ne fece la sua musa, portandola cinque anni dopo alla Coppa Volpi per il suo ruolo in Edoardo II e consegnandole la sua eredità spirituale. Da allora molti autori sono rimasti affascinati da questa straordinaria attrice.

Si è trasformata per Bong Joon-ho, in Snowpiercer e Okja. Wes Anderson l’ha inserita nella sua famiglia e presto li ritroveremo insieme in The French Dispatch. Sarebbe stato perfetto averlo a Venezia per celebrare il Leone alla Carriera, preceduto da The Human Voice, il cortometraggio che l’ha vista per la prima volta collaborare con Pedro Almodovar.

Luca Guadagnino è stato tenuto a battesimo sin dal suo esordio, The Protagonists e il regista palermitano portò a Venezia nel 2002 la sua dichiarazione d’amore, Tilda Swinton: The Love Factory, trenta minuti di confessione filmata della donna e dell’artista. Seguirono Io sono l’amore, A Bigger Splash, Suspiria, e altre perle certamente arriveranno.

Tilda Swinton con in Leone d’Oro alla Carriera

Il Leone d’oro alla carriera ricevuto quest’anno a Venezia 77 ha celebrato trentacinque anni vissuti intensamente. Non è un caso che David Bowie la volle al suo fianco in uno dei suoi ultimi video, lo struggente The Stars (are out tonight). Come il Duca Bianco, Tilda Swinton è caduta sulla Terra portando con sé un dono declinato in tanti modi e senza pregiudizi.

Per questo ha abbracciato anche Hollywood, guardandola con curiosità e distacco, portandosi a casa un Oscar come attrice non protagonista in Michael Clayton, cogliendo il nero sarcasmo dei fratelli Coen in Burn After Reading (entrambi presentati a Venezia nel 2007 e nel 2008).

Alla premiere mondiale di Doctor Strange a Londra nel 2016, chiedendole cosa l’avesse spinta a entrare nel mondo Marvel, rispose: “I film Marvel sono fondamentali, fanno sì che i ragazzi si stacchino dai loro computer per condividere con degli sconosciuti una storia raccontata sul grande schermo”.

Non c’è sintesi migliore per dare un senso, se ce ne fosse bisogno, a questo Leone d’oro alla carriera. Come recita il titolo di un film che le ha regalato uno dei suoi ruoli più belli, solo gli amanti sopravvivono.

E finché ci saranno artisti come Tilda Swinton, sopravvivrà il cinema.

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.