BOX OFFICE USA: HUNGER GAMES RESISTE AL DINOSAURO ARLO E AI PUGNI DI CREED

Si è appena concluso l’intenso weekend lungo del Ringraziamento e Hunger Games, non senza qualche difficoltà, ha confermato la prima posizione. Per Il Canto della Rivolta-Parte 2 sono arrivati altri 51.6 milioni di dollari (75.8 in cinque giorni). In dieci giorni l’ultimo film della saga ha incassato 198 milioni negli Usa e 440 in tutto il mondo.
Il nuovo Pixar-Movie Il Viaggio di Arlo debutta in seconda posizione con 39.1 milioni rastrellati nel week (55 in cinque giorni). Fuori dagli Usa ha incassato altri 28.7 milioni, ma si tratta comunque di un esordio sottotono per essere un film della Pixar (solo A Bug’s Life del ’98 aveva fatto peggio).
Terza piazza per Creed-Nato per combattere. Lo spin-off/sequel della saga di Rocky, preceduto da entusiastiche recensioni da parte dei critici d’oltreoceano (c’è già chi parla di possibile Nomination all’Oscar per Sylvester Stallone), ha incassato 30 milioni nel weekend e 42 in cinque giorni. Un grande risultato per la New Line/WB che si aspettava un debutto da 34-38 milioni al massimo. Fuori dalla top-three Spectre incassa altri 12.8 milioni (18 nel periodo lungo) e si porta a 176 domestici e sfiora i 750 milioni complessivi. Il film numero 24 della saga è secondo solo al precedente capitolo Skyfall. Snoopy & Friends: il film dei Peanuts è quinto con 9.7 milioni (13 in 5 giorni). Il totale è ora di 116 milioni negli Usa. In sesta posizione la comedy The Night Before ha incassato 11 milioni in cinque giorni (24 globali). Il segreto dei suoi occhi è settimo con 4.5 milioni (14 totali) e per un soffio supera Spotlight (comunque in costante crescita ) che ha raccolto 4.4 milioni per 12.3 complessivi. In crescita anche il drama Brooklyn (presente in 845 sale) che incassa 3.8 milioni (7.2 totali). Chiude la top-ten Sopravvissuto-The Martian con 3.3 milioni (219 complessivi). Complice l’uscita sul mercato cinese, il film di Ridley Scott ha toccato in tutto il mondo quota 545 milioni.
L’unica nota stonata del Thanksgiving Weekend è rappresentata dal flop di Victor Frankenstein. Scritto dal figlio d’arte Max Landis, il film con James McAvoy e l’ex HP Daniel Radcliffe incassa appena 3.4 milioni in cinque giorni e 13 in tutto il mondo.

Daniele Pugliese

Nessun Articolo da visualizzare