FESTIVAL – TRASTEVERE RIONE DEL CINEMA: OGGI ARRIVA NANNI MORETTI CON IL SUO ”PALOMBELLA ROSSA”

Questa sera, per il Festival – Trastevere Rione del Cinema, il regista Nanni Moretti porta in piazza San Cosimato a Roma il suo Palombella Rossa

Palombella RossaIL FILM
Michele Apicella, membro del Partito Comunista Italiano, dopo un incidente stradale e afflitto da una terribile amnesia, perde la memoria.
Esperto giocatore di pallanuoto, mentre si reca in Sicilia per un’importante partita, viene sopraggiunto da offuscati e remoti ricordi, che ripercorrono la sua vita, a metà tra la realtà e l’immaginazione.

Palombella Rossa è, forse, uno dei film di Nanni Moretti che più contiene numerosi rimandi, per mezzo delle similitudini e delle metafore, alla politica. Rilasciato nel 1989, è l’ultimo in ordine di uscita che vede protagonista il celeberrimo Michele Apicella (apparso per la prima volta nel ’76 in Io Sono un Autarchico, in veste di giovane disoccupato mantenuto dal padre e alla prese con una compagnia teatrale), personaggio interpretato dallo stesso Moretti e idealmente riassunto dell’evoluzione socio-politica dalla metà degli anni ’70 al finire degli anni ’80. Infatti, attraverso situazioni surreali e scene diventate, nel tempo, un cult, la pellicola è strettamente correlata alla ”crisi rossa” che ha portato, qualche tempo dopo, alla chiusura del PCI.
Palombella RossaE Moretti, politico sullo schermo, nonché giocatore di pallanuoto in una partita che sa tanto di tribuna elettorale, si fa manifesto, con un flusso di coscienza, degli ideali suoi e di un’altra grossa fetta di ”popolo” che, nonostante tutto, continua a dare importanza alle parole.

PERCHÉ VEDERLO
Perché Palombella Rossa è un esempio lampante di cosa vuol dire metafora sul grande schermo, con sequenze iconiche e memorabili.
Su tutte il famigerato urlo «Le parole sono importanti » e la soave I’m of Fire di Bruce Springsteen intonata nel momento più difficile della partita.

Damiano Panattoni

Nessun Articolo da visualizzare