“POLI OPPOSTI”: UNA MODERNA COMMEDIA SOFISTICATA

Da giovedì 8 ottobre uscirà nelle sale italiane Poli opposti, il film d’esordio di Max Croci con protagonisti Luca Argentero e Sarah Felberbaum. La pellicola è una moderna commedia sofisticata che omaggia i film di Hawks e Cukor. Per l’occasione abbiamo stilato una classifica delle cinque migliori high comedy.

Poli opposti I Poli opposti del titolo sono Stefano Parisi, che ha il volto di Argentero, e Claudia Torrini interpretata dalla Felberbaum. I due personaggi non potrebbero essere più distanti: lui è un terapista di coppia mentre lei è un avvocato divorzista. Il primo ripara matrimoni in crisi ma ha appena lasciato la moglie, la seconda invece è una donna single e madre del piccolo Luca. Tra Stefano e Claudia non sembra esserci nulla in comune a parte una strana alchimia che li porterà inevitabilmente a ritrovarsi l’uno nelle braccia dell’altra.
La storia racconta la classica battaglia tra i sessi con due protagonisti di grande fascino. «Quando la scorsa estate ho letto la sceneggiatura, ho capito che in quelle pagine c’erano tutti gli elementi che avevo sempre sognato di poter un giorno portare sul grande schermo. », ha spiegato il regista, «A partire dal genere una commedia romantica dall’impianto classico ma piena di spunti attuali, “all’americana”. Il mio pensiero è andato subito ai miei grandi, e inarrivabili, riferimenti cinematografici: Hawks e Cukor in testa, ma anche alle commedie della Universal degli anni ’60. ».

Poli opposti Glamour e raffinatezza sono due elementi essenziali di Poli Opposti, che vengono incarnati sullo schermo da Argentero. «Il personaggio che interpreto aveva di base un’eleganza nei modi e nel vestire da cui dovevamo far partire tutto il resto », ha rivelato l’attore, «Di questo personaggio mi è piaciuto proprio quel suo essere in controtendenza rispetto all’uomo contemporaneo che spesso è aggressivo ed arrogante. ». «Volevo trasformare Luca nel Cary Grant del 2000 » ha raccontato Croci. Il film è una favola romantica in cui tutti si possono identificare, riconoscendosi in personaggi reali verso cui si fa il tifo, perché sono persone che si possono incontrare nella vita di tutti i giorni. Proprio come la protagonista femminile: una donna forte, indipendente che deve trovare un equilibrio tra l’essere una madre ed un avvocato in carriera. «(Claudia) è una donna “fatta” e completamente dedita al suo lavoro, fino a quando non incontra un uomo, Stefano, che mette a repentaglio la sua vita ordinata perché rappresenta l’opposto di tutto quello che lei è e fa », ha spiegato l’attrice, «Strada facendo si assiste al suo cambiamento: quando si renderà conto che forse ha incontrato la persona giusta, Claudia cambierà sia nell’aspetto fisico sia a livello interiore ». Personaggi ricchi, ben vestiti e a volte sopra le righe sono il fulcro attorno a cui ruota questa moderna commedia sofisticata.

Se amate questo genere di film o se volete apprezzare ancora di più tutte le citazioni presenti in Poli Opposti, non perdetevi le 5 migliori commedie sofisticate!

Accadde una notte5 – ACCADDE UNA NOTTE
di Frank Capra

Per la regia di Frank Capra, fu il primo film a vincere 5 Oscar. Era il 1934 e Claudette Colbert sorprese tutti mostrando le gambe nella celebre scena dell’autostop. Un classico che ha dato vita a centinaia di altre commedie, lanciando Clark Gable nell’Olimpo delle star hollywoodiane.

 

Trouble in Paradise4 – MANCIA COMPETENTE
di Ernst Lubitsch

A volte l’onore tra i ladri lascia il posto all’amore, che rischia però di scombinare i piani criminali dei protagonisti, Gaston Monescu e Lily Vautier. Il celeberrimo “tocco alla Lubitsch” nasce con questa pellicola: un film raffinatissimo e intriso di umorismo.

 

 

Susanna3 – SUSANNA!
di Howard Hawks

Un paio di spessi e orribili occhiali non scalfisce nemmeno un po’ il fascino di Cary Grant che risulta perfetto nei panni dell’eroe romantico, anche se a cappa e spada preferisce i brontosauri. Nessuno però può resistere a Katharine Hepburn nei panni di Susan, un’ereditiera stravagante e capricciosa.

 

 

 

 

La signora del venerdì2 – LA SIGNORA DEL VENERDÍ
di Howard Hawks

Il film detiene il record per il dialogo più lungo e veloce del cinema. Lo scambio di battute fulminanti tra i tre protagonisti (Hildy, Walter e Bruce) è un pezzo della storia del cinema. In questo caso Grant è un giornalista elegante e impeccabile, peccato che il mondo del giornalismo appaia come un ambiente popolato solo da sciacalli.


1 – SCANDALO A FILADELFIA
Scandalo a Filadelfia
di George Cukor
Un maestro della commedia romantica, George Cukor, dirige Katharine Hepburn, Cary Grant, James Stewart e Ruth Hussey. «Qualche volta penso che ci saresti dovuta restare un po’ di più con me » dice Grant rivolgendosi alla Hepburn, che risponde: «Credevo di restarci tutta la vita, ma poi il giudice mi ha fatto la grazia col divorzio ». Se non ci fosse Google a provare il contrario, sarebbe difficile credere che queste battute siano state scritte nel lontano 1940.

Nessun Articolo da visualizzare