TOM FORD TORNA ALLA REGIA CON UN THRILLER DIVISO IN DUE PARTI

Aveva stupito tutti nel 2009, presentando in concorso alla 66ª edizione della Mostra del Cinema di Venezia, A Single Man, opera prima che valse al suo protagonista, Colin Firth, la Coppa Volpi per la migliore interpretazione. Ora Tom Ford, stilista di fame e successo internazionale, amico e collega di Sofia Coppola, con la quale condivide le atmosfere malinconiche e l’estrema attenzione al dettaglio e all’estetica delle inquadrature, abbandona momentaneamente le passerelle per tornare dietro la macchina da presa.

A sei anni dal suo esordio, con il racconto, tratto dall’omonimo romanzo di Christopher Isherwood, dell’ultimo giorno di vita di George Falconer, professore universitario omosessuale deciso a suicidarsi dopo la morte dell’amato compagno, Tom Ford ha dichiarato, in una recente intervista al Women’s Wear Daily, di essere al lavoro sulla sceneggiatura di un thriller, ispirato anch’esso da un romanzo del quale però non ha rivelato il nome.

La pellicola, le cui riprese partiranno verosimilmente a settembre per una durata complessiva di sei settimane, sarà divisa in due parti. La prima dovrebbe discostarsi dal materiale d’origine mentre la seconda sarà più attinente al testo. «Un libro è un libro, un film è un film. Sono cose completamente diverse. Come regista devi riuscire ad avere un punto di vista personale, cogliere gli aspetti del romanzo che più ti colpiscono e amplificarli. In un certo senso, è un processo impressionista. » ha dichiarato lo stilista/regista per spiegare il suo approccio alla sceneggiatura e al film del quale non si conoscono ancora i nomi degli interpreti.

Manuela Santacatterina

Nessun Articolo da visualizzare