Shark – Il primo squalo, il nuovo mostro dei mari al cinema da agosto

Per rinverdire la paura atavica del mostro marino che sorge dai profondi abissi e di cui Lo squalo (1975) di Steven Spielberg è stato il più grande fomentatore, ad agosto (per l’esattezza nelle nostre sale il 9 e in quelle statunitensi il giorno successivo) apparirà Shark-Il primo squalo (The Meg), un megalodonte, ovvero un antenato secolare dello squalo, di proporzioni colossali, che riaffiora dalle profondità dell’oceano arrecando caos, morte e distruzioni. Ci pensa Jason Statham, nei panni di un esploratore che lavora per conto della Marina degli Stati Uniti, ad affrontarlo con la giusta carica di coraggio e incoscienza.

Il film, tratto dal romanzo horror-fantascientifico MEG di Steve Allen, pubblicato nel 1997, è una grossa produzione Warner Bros (budget stimato di 150 milioni di dollari), tra USA e Cina, e dovrebbe garantire una messa in scena decisamente superiore a quella dei tanti B-Movies con protagonisti squali di ogni genere (volanti, zombi, a due o più teste, geneticamente mutati, etc…) che imperversano soprattutto sulle varie piattaforme on line.

Inizialmente la regia era stata affidata a Eli-“Hostel”-Roth, il quale però ha abbandonato il progetto per divergenze creative con la produzione; al suo posto, è subentrato Jon Turteltaub (Cool Runnings-Quattro sottozero, Il mistero dei Templari, L’apprendista stregone), produttore e regista abbastanza a suo agio nel genere degli action-adventure movies.

Come andrà a finire il film? Non lo sappiamo, non abbiamo letto il libro, ma – Holy Socks! – possiamo supporre che il megalodonte verrà ucciso e che magari dopo i titoli di coda, ne spunterà uno più grande, protagonista di un inevitabile sequel.

Nessun Articolo da visualizzare