Full Metal Jacket, Matthew Modine: “Sul set volevo uccidere Vincent D’Onofrio”

L'attore ha raccontato qualche curiosità su Full Metal Jacket

Full Metal Jacket è un film del 1987 diretto da Stanley Kubrick. La pellicola, il cui titolo originale si riferisce alla guaina in rame dei proiettili incamiciati, menzionati da uno dei protagonisti a metà della storia, è ispirato al romanzo Nato per uccidere (The Short-Timers) di Gustav Hasford. In una recente intervista a The Independent il protagonista del film Matthew Modine (Soldato Joker) ha raccontato la sua esperienza sul set e sopratutto il suo rapporto con Vincent D’Onofrio (Palla di Lardo). Secondo lui l’ostilità è iniziata dopo che quest’ultimo lo ha provocato per averlo preso in giro con le comparse del film tra una ripresa e l’altra.

Volevo realmente ucciderlo. Ogni volta che entrava nel personaggio si trasformava in un’altra persona e diventava molto strano e diverso. Nel film, il mio soldato Joker lo prendeva spesso a colpi e, a volte, pensavo di dargli qualche colpo extra. Povero Vince, girare Full Metal Jacket è stato davvero difficile per lui”.

Full Metal Jacket

L’attore ha raccontato anche della famosa scena della punizione del reparto con le saponette del bagno:

Ovviamente abbiamo usato solo un asciugamano annodato, ma lo stavamo di continuo tra una ripresa e l’altra. Il povero Vince era coperto di lividi”

Nessun Articolo da visualizzare