Samara Weaving sarà Elizabeth Bonaparte

Samara Weaver si calerà nei panni della prima grande celebrità internazionale americana.

Samara Weaving elizabeth bonaparte

Samara Weaving, protagonista della dark comedy Finché morte non ci separi, sarà la protagonista del biopic incentrato sulla figura di Elizabeth Patterson Bonaparte, abilmente intitolato Liz.

Il film viene descritto come una versione americana di Bridgerton e The Great, quindi una visione molto pop degli Stati Uniti dei primi anni dell’Ottocento. Elizabeth Patterson Bonaparte fu la prima moglie del fratello minore di Napoleone Bonaparte, Girolamo, e fu una vera e propria celebrità ai tempi della presidenza di Thomas Jefferson, per il suo matrimonio, oltretutto assolutamente osteggiato da Napoleone stesso, ma anche e soprattutto per il suo carattere spigliato, la spiccata intelligenza e la propensione per gli abiti particolarmente scollati, quando non succinti, qualunque cosa potesse significare in quell’epoca.

Dopo la fine del matrimonio imperiale, imposta al fratello dallo stesso Napoleone, Liz non si perse d’animo, tornò nella casa natia, con tanto di piccolo Bonaparte appena nato, e visse felicemente la sua vita, risposandosi, amministrando un ricco patrimonio di famiglia e godendosi la vita fino alla veneranda età di anni 94.

Samara Weaving è nipote d’arte, lo zio è l’attore australiano Hugo Weaving, il leggendario Agente Smith della trilogia di Matrix, oltre che Elrond ne Il signore degli Anelli. Samara ha già una buona carriera. Oltre al già citato Finché morte non ci separi ha lavorato in film importanti come Tre manifesti a Ebbing e nella serie di fantacinema firmata da Ryan Murphy per Netflix Hollywood.

In cabina di regia di Liz troviamo Adam Leon, che ha da poco finito Italian Studies, con Vanessa Kirby, che dovrebbe uscire prima o poi, al cinema o altrove.

Nessun Articolo da visualizzare