GEORGE CLOONEY E AMAL: WEEKEND DI NOZZE A VENEZIA

George Clooney e Amal Alamuddin si sono sposati ufficialmente lunedì 29 settembre nella Sala degli Stucchi di Cà Farsetti, ma hanno anticipato le promesse privatamente già il sabato precedente all’hotel Amam di Palazzo Papadopoli, con rito nuziale officiato da Walter Veltroni, firma storica di Ciak.

A Venezia George ha riunito 200 invitati: Rande Gerber con la moglie Cindy Crawford, Matt Damon, Miguel Ferrer (cugino di George e suo collega in E.R. Medici in prima linea), Grant Heslov (amico fraterno di Clooney, l’ha diretto in L’uomo che fissa le capre), Ellen Barkin, Bono degli U2. Non pervenuti i previsti Brad Pitt e Angelina Jolie, Cate Blanchett, Sandra Bullock, mentre c’erano Andrea Bocelli e Lana Del Rey, i cantanti ufficiali scelti da George per le nozze.

La sera di venerdì 26 settembre George e Amal si sono divisi per gli addi al celibato e al nubilato: lui con gli amici al ristorante Da Ivo, lei con le damigelle all’hotel Amam di Palazzo Papadopoli. Il programma è stato intenso anche per il weekend: domenica brunch a bordo piscina all’Hotel Cipriani, poi serata intima tra i due promessi sposi ai Granai dell’isola della Giudecca.

Hollywood perde dunque il suo scapolo d’oro per eccellenza. E per segnare il passaggio, Clooney ha portato una bella ventata di divismo in Laguna, anche con qualche colpo di testa da vera star: si dice che abbia fatto cambiare tutti i mobili della stanza riservata alla prima notte di nozze perché non erano di suo gradimento, e che abbia chiesto di eliminare un’impalcatura da un palazzo adiacente perché turbava la vista dalla finestra. La febbre da nozze dell’anno, però, sta conquistando tutti, compresi i tassisti d’acqua che scarrozzano sposi e invitati dall’Hotel Cipriani, quartier generale delle nozze, in giro per Venezia, e si fanno fotografare orgogliosi con la loro divisa dell’occasione: una giacca con le iniziali della coppia, AG.

Nessun Articolo da visualizzare