OSCAR 2016, SI ACCETTANO SCOMMESSE

The Revenant
The Revenant

Se la cerimonia degli Oscar si svolgesse domani, chi vincerebbe? The Revenant avrebbe buone possibilità di ottenere l’ambita statuetta per la categoria miglior film, se l’Academy volesse riconfermare il talento creativo del regista Alejandro Iñárritu, che lo scorso anno ha trionfato con Birdman. La vittoria di Straight Outta Compton smentirebbe coloro che ritengono che la giuria assegni i riconoscimenti solo ai bianchi. Il premio potrebbe anche essere assegnato a The Danish Girl complice il tema dell’identità di genere, argomento ormai dominante sia in tv che al cinema. A conti fatti però la bilancia sembra pendere a favore di Spotlight che si candida a diventare il nuovo Watergate, affrontando la spinosa questione degli abusi sessuali sui bambini da parte di preti pedofili.

The Hateful Eight
The Hateful Eight

The Hateful Eight di Tarantino potrebbe ottenere l’Oscar per la migliore sceneggiatura originale se non altro per premiare l’entusiasmo spasmodico con cui il film è stato atteso fin dall’inizio della sua lavorazione. La miglior regia sarebbe una sfida a due tra l’osannato Iñárritu e David O. Russell, che riceverebbe così la sua proclamazione ufficiale nell’Olimpo dei registi hollywoodiani. Leonardo di Caprio, Eddie Redmayne e Johnny Depp potrebbero conquistare l’Oscar come miglior attore: il primo, se non altro, per infrangere una tradizione che dura da decenni; il protagonista di The Danish Girl bisserebbe il successo dello scorso anno dimostrando che l’Academy ama le trasformazioni radicali; la statuetta per Depp sarebbe invece un riconoscimento per la sua interpretazione in Black Mass più che per l’ennesimo travestimento della sua carriera. La scelta per la migliore attrice potrebbe riservare invece delle sorprese: se al posto delle “solite” Cate Blanchett e Jennifer Lawrence assistessimo al meritato trionfo di Saoirse Ronan? Di certo possiamo dirlo fin da ora Inside Out è il miglior film d’animazione dell’anno che lo voglia l’Academy oppure no.

Laura Molinari

Nessun Articolo da visualizzare