“I, Tonya”: Margot Robbie è la “pattinatrice maledetta” Tonya Harding

Tonya

I, Tonya, presentato alla Festa del Cinema di Roma, racconta la vera storia della pattinatrice “cattiva” Tonya Harding, l’atleta che fu accusata di avere architettato l’aggressione alla rivale connazionale Nancy Kerrigan nel 1994. Craig Gillespie ripercorre i fatti attraverso una forma anomala, in parte quasi mockumentary, il finto documentario a interviste per raccontare fatti e personaggi reali. Riesce così a mettere a fuoco una realtà talmente assurda da apparire vera.

Strepitosa, oltre che bellissima Margot Robbie, nei panni di Tonya e Allison Janney in quelli della madre arpia sboccata, calcolatrice e accanita fumatrice. Per quanto a più voci, il film sposa, fin dal titolo, il punto di vista di Tonya, ex bambina prodigio, piccola scintilla di luce nella white trash in cui vive. Sbaglierà ogni scelta della vita e fallirà ogni seconda chance come ci fosse un disegno tutto sbagliato, a differenza delle forme perfette ed eteree che disegna sul ghiaccio.

Luca Barnabé

Nessun Articolo da visualizzare