BOX OFFICE USA: “ROGUE ONE” SFIORA IL MILIARDO DI DOLLARI NEL MONDO

Le feste natalizie giungono al termine e Rogue One-A Star Wars Story chiude in bellezza vincendo il suo quarto weekend consecutivo. Il fine settimana dell’Epifania ha portato nelle casse della Disney/Lucasfilm altri 21.9 milioni di $ per 477 complessivi casalinghi. Fuori dagli Usa, complice l’esordio in Cina, lo sci-fi di Gareth Edwards ha fatto un grosso balzo in avanti in ottica miliardo di dollari ed è ora a quota 914 milioni.

Di passi in avanti però ne sa qualcosa anche Il diritto di contare, che è passato dalla 17esima alla seconda posizione grazie alla distribuzione in oltre 2450 sale. Il biopic di Theodore Melfi sulla scienziata e fisica afroamericana Katherine Johnson (che già nelle scorse settimane si era fatto notare per essere uno dei film a distribuzione limitata di maggior successo) ha “rischiato” di battere Rogue One fermandosi ad appena 100mila dollari di distanza (21.8 milioni e 24 totali).

Terzo posto per il cartoon musicale Sing con 19.5 milioni di $. Il settimo film prodotto dalla Illumination Entertainment giunge a quota 213 milioni in patria e 356 in tutto il mondo. Certo, gli incassi non sono paragonabili a quelli di Pets-Vita da animali (che la scorsa estate ha raggiunto gli 875 milioni di $ globali), ma la casa di produzione sussidiaria della Universal può dirsi soddisfatta avendo ancora qualche settimana di distribuzione davanti a sé.

Debutta in quarta posizione, con 13.1 milioni di $, Underworld: Blood Wars. Per la quinta puntata del franchise horror-action (costata 35 milioni di $) con Kate Beckinsale si tratta del peggior esordio della pentalogia. La vampira Selene, tuttavia, gode di una buona schiera di fan in tutto il mondo dove ha già raccolto 42 milioni (55 complessivi).

Quinta piazza per La La Land che cresce nella distribuzione (ora presente in 1515 sale) e, di conseguenza, anche negli incassi (10 milioni e 51 totali). Il musical di Damien Chazelle, fresco vincitore di 7 premi ai Golden Globes, è a 85 milioni worldwide. Lo sci-fi Passengers passa dalla terza alla sesta posizione ma si avvicina comunque al break-even point (fissato a 220 milioni di $) grazie agli 8.8 milioni del weekend che portano il totale casalingo ad 80 milioni, mentre sono 185 i milioni incassati in tutto il mondo. Piazza numero sette per Proprio lui con 6.5 milioni (48 totali e 66 internazionali) seguito, con 6.4 milioni, da Oceania (225 milioni in patria e 450 globali). In nona posizione troviamo Barriere (4.7 milioni e 40.6 totali) e alla decima Assassin’s Creed con 3.8 milioni di $ (49.5 complessivi). In tutto il mondo l’adattamento del videogioco della Ubisoft è a 100 milioni (cifra non sufficiente a coprire i 125 milioni di budget).

Daniele Pugliese

Nessun Articolo da visualizzare