SPECIALE CARNEVALE: LE MASCHERE PIÙ “BIZARRE” DAL MONDO DEL CINEMA

Si avvicina il Carnevale e anche quest’anno i Catecumeni Yeeeuuuch più giovani e modaioli ci hanno resi edotti sulle tendenze delle maschere Bizarro più “cool” del momento.

InnaNzitutto, trionfa il costume dei partecipanti al convito orgiastico di Eyes Wide Shut (Stanley Kubrick, 1999): cappe e mantelle nere con maschera classica veneziana in cartapesta possibilmente arricchita (cfr. foto) con pizzi, foglie d’oro e cristalli preziosi. Sotto le tuniche sconsigliato il nudo integrale: preferibili sottovesti, tanga e sospensori (neri).

Secondo modello di maschera molto apprezzato è un costume femminile da “casalinga disperata” con parrucca corvina come quelli proposti dal grande Paolo Villaggio in film quali Di che segno sei? (Sergio Corbucci, 1975), Pappa e ciccia (Neri Parenti, 1983), o anche in televisione quando negli anni Ottanta l’attore genovese partecipava, nelle vesti di Gemma Pontini stravagante opinionista, al programma Mixer di Giovanni Minoli. Affinché questo costume possa dirsi riuscito, basta procurarsi la idonea parrucca nera e poi rovistare nell’armadio della nonna per scegliere abito, soprabito e scarpe.

Infine maschere d’epoca riproducenti i volti di Laurel & Hardy o delle divine Garbo e Dietrich abbinate ad abiti maschili e femminili strampalati, ma di altissima sartoria.

Last but not least,

un indovinello: sapete chi si nasconde sotto la maschera del vecchio signore annoiato seduto accanto ad Elsa Morante nella foto centrale? Nientepopodimenoche Luchino Visconti di Modrone, conte di Lonate Pozzolo, nonché regista di Il gattopardo!

Marcello Garofalo

Nessun Articolo da visualizzare